Venerdì 12 Maggio 2017 - 17:30

Dati degli utenti a Facebook, multa da 3 milioni a Whatsapp

Chiuse ieri due istruttorie, avviate lo scorso ottobre

Dati degli utenti a Facebook, multa da 3 milioni a Whatsapp

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha chiuso ieri due istruttorie, avviate lo scorso ottobre, nei confronti di WhatsApp per presunte violazioni del Codice del Consumo. Il primi procedimento, segnala l'Antitrust, si è concluso con una sanzione di 3 milion di euro comminata alla società per aver "indotto gli utenti di WhatsApp Messenger ad accettare integralmente i nuovi Termini di Utilizzo, in particolare la condivisione dei propri dati con Facebook, facendo loro credere che sarebbe stato, altrimenti, impossibile proseguire nell'uso dell'applicazione". La stessa autorità segnala che il secondo procedimento, avviato per presunta vessatorietà di alcune clausole del modello contrattuale sottoposto all'accettazione dei consumatori che vogliano usufruire dell'applicazione WhatsApp Messenger, si è concluso "con l'accertamento della vessatorietà".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Seregno, incontro in piazza con Matteo Salvini

Salvini: "Onore alla Gdf per gli evasori totali. Ora pace fiscale"

Il vicepremier alla cerimonia per il 244esimo del corpo. "Chiudere le cartelle sotto i centomila euro per ridare serenità a imprese e lavoratori"

Sergio Mattarella alla cerimonia in ricordo di Giuseppe Saragat

Mattarella: Italia solidale e accogliente, ma la Ue faccia di più per i rifugiati

Il messaggio del Capo dello Stato in occasione della Giornata mondiale del Rifugiato. "Non lasciare tutto sulle spalle dei Paesi d'ingresso"

Rom, Dijana Pavlovic: "Censimento illegale, l'odio di Salvini degenererà"

Intervista all'attrice, attivista per i diritti umani e già candidata alle ultime Europee di origine rom

Di Maio: "Censire raccomandati nella Pa". Opposizione in coro: "Inizi da Lanzalone"

Il ministro del Lavoro lancia la sua sfida contro chi è approdato al 'posto fisso' senza passare per la gavetta del merito