Martedì 03 Ottobre 2017 - 09:45

Def, Bankitalia: "Imperativo ridurre debito, senza soffocare crescita"

"Una significativa riduzione debito/Pil è alla nostra portata"

Def, Bankitalia: "Imperativo ridurre debito, senza soffocare crescita"

"La significativa riduzione del rapporto tra il debito pubblico e il prodotto interno lordo nel medio termine è alla nostra portata, lo mostrano tanto le nostre analisi quanto quelle del governo". Così Pierluigi Federico Signorini, vicedirettore generale di Bankitalia, in audizione sul Def al Senato davanti alle commissioni Bilancio riunite.

"La politica di bilancio si deve muovere lungo un 'sentiero stretto' tra l'esigenza di non soffocare la ripresa congiunturale e l'imperativo di ridurre il debito; lo ha più volte ricordato anche il Ministro dell'Economia e della finanze. In questo momento il sentiero, pur sempre arduo, è un po' meno angusto che in passato, grazie alle favorevoli condizioni della congiuntura e dei mercati". 
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Pier Carlo Padoan in Commissione Banche

Padoan in Commissione: "Mai autorizzato ministri a occuparsi di Banca Etruria"

In audizione ha risposto anche a una domanda direttamente legata al caso Boschi

Milano, presidio contro mamma licenziata da IKEA

Vantaggi fiscali illeciti a Ikea. L'Unione Europea indaga sull'Olanda

Due norme fiscali avrebbero favorito il colosso svedese dei mobili nei confronti della concorrenza. Ricavi spostati in Lussemburgo e Liechtenstein

PD - Sit in del Partito democratico sotto la sede dell?Agcom

Fatturazione ogni 4 settimane: stop per legge, ma le Telco vanno avanti

AgCom e Parlamento sono intervenuti, ma le compagnie telefoniche continuano a proporli. Per i consumatori un danno da un miliardo all'anno

Euro sign seen at former ECB headquarters in Frankfurt

La PA italiana paga a oltre 100 giorni. Deferita alla Corte Ue

A tre anni dalla prima denuncia, situazione deprecabile. Il pubblico deve alle aziende circa 64 miliardi