Mercoledì 23 Dicembre 2015 - 15:50

Delitto Caccia, Schirripa: Sono innocente, sono stato frainteso

IMG

Milano, 23 dic. (LaPresse) - "Sono innocente, non c'entro nulla con l'omicidio: le mie frasi intercettate sono state fraintese". Queste le uniche dichiarazioni che Rocco Schirripa, il panettiere 62enne arrestato ieri mattina a Torino, con l'accusa di aver ucciso il procuratore del capoluogo piemontese Bruno Caccia il 26 giugno 1983. Schirripa si è poi avvalso della facoltà di non rispondere e si è detto disponibile a farsi interrogare nei prossimi giorni dal pm della Dda di Milano Marcello Tatangelo, titolare dell'inchiesta sull'assassinio del magistrato insieme al procuratore aggiunto Ilda Boccassini.

 

 

Il panettiere 62ennne, assistito dall'avvocato Basilio Foti, questa mattina è comparso davanti al gip di Milano Stefania Pepe nel carcere milanese di San Vittore, dove è detenuto. All'interrogatorio erano presenti anche i pm Tatangelo e Boccassini.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Direzione Nazionale di MdP

Mondo di Mezzo, mentirono ai giudici: in 18 rischiano processo

Tra questi Bubbico e Campana. La procura chiederà invece l'archiviazione per il governatore del Lazio Zingaretti

Extremism in prisons

Carceri, detenuti radicalizzati in aumento. Calano gli stranieri

I dati del dossier dell'associazione Antigone

Coppia freddata a Caravaggio, arrestato il killer

Coetanei picchiati e spaccio di droga: smantellata banda di giovani bulli ai Castelli

Il gruppo capeggiato da un 16enne terrorizzava altri ragazzi costringendoli con la violenza a vendere sostanze stupefacenti e consegnare i soldi

Tempo stabile e soleggiato: il meteo del 19 e 20 aprile

Le previsioni del servizio meteorologico dell'aeronautica militare