Sabato 12 Agosto 2017 - 09:15

Abusi edilizi, Delrio: L'unico deterrente sono le demolizioni

"Il governo è pronto a impugnare le leggi regionali che consentono condoni agli scempi edilizi"

Delrio: Contro abusi edilizi unico deterrente sono demolizioni

"Il governo è pronto a impugnare le leggi regionali che consentono condoni agli scempi edilizi". Così in un'intervista a Repubblica il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, che si schiera apertamente dalla parte del sindaco di Licata Angelo Cambiano, sfiduciato dal Consiglio comunale dopo il suo impegno contro la demolizione delle case abusive. "Quel sindaco è un eroe - dice il ministro - gli hanno bruciato la casa, è costretto a muoversi con la scorta e malgrado tutto non ha mai fatto un passo indietro. La solidarietà è scontata, ora la politica però deve fargli sentire davvero il suo appoggio. Spero che non molli e continui la sua battaglia di civiltà. Non è lui che deve andarsene ma chi quel territorio l'ha saccheggiato e sfregiato per troppi anni".  L'abusivismo edilizio, aggiunge "è un vizio antico. Il vero deterrente sono le demolizioni: se chi commette un abuso perde il possesso del bene o lo vede distruggere, ci penserà cento volte prima di commetterne un altro".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Lettera con proiettile e minacce al candidato M5s in Calabria

Nel pacchetto un messaggio intimidatorio: 'Mo' vidi mo a funisci', 'ora vedi di smetterla'

Pass auto a Firenze per la moglie Agnese, Renzi la difende: "Fake news"

Il segretario dem replica alle accuse di due esponenti di Fratelli d'Italia, che parlano di "ennesimo privilegio"

Milano, Candidati di + Europa

Bonino: "Mai coi sovranisti. Fiducia in Gentiloni, più istituzionale di Renzi"

Dal post voto ai diritti civili, un'intervista a tutto tondo alla leader di +Europa

Luigi Di Maio, il candidato premier M5S, a Salerno nell’ambito del #Rally per l’Italia

M5S, parlamentarie: giudice respinge ricorso, ma manca democrazia interna

Il caso di Maria Elena Martinez, attivista di Padova, non ammessa. Ma gli esclusi in tutto sono circa 3000