Domenica 14 Maggio 2017 - 00:45

Delusione all'Eurovision: Gabbani non ce la fa

L'Italia è solo al sesto posto. Trionfa il Portogallo con Salvador Sobral

Kiev, Eurovision Song Contest 2017

Amarezza: è la parola che descrive l'Eurovision Song Contest di quest'anno per l'Italia. Francesco Gabbani non ce l'ha fatta: la sua 'Occidentali's karma' si è fermata al sesto posto. La sconfitta fa ancora più male, dopo la vittoria annunciata. A trionfare è stato il Portogallo, con uno dei concorrenti che già alla vigilia era fra i favoriti: Salvador Sobral con 'Amar Pelos Dois', una ballata dolce dal sapore un po' brasiliano, un po' francese. Al di là del brano, a commuovere il pubblico è stata anche la storia del cantante che soffre di problemi di cuore, tanto che non ha potuto prendere parte a tutte le prove dell'Eurovision e in alcuni casi ha mandato la sorella al posto suo. E, dopo la vittoria, ha duettato con lei sul palco.

Anche se 'Namaste, alé' negli ultimi giorni a Kiev, in Ucraina, dove si è svolto il festival, era diventato un tormentone, tanto che durante l'esibizione di Gabbani tutto il pubblico dell'arena cantava e ballava, questo non è bastato. Il trionfo di Gabbani sembrava cosa fatta: poteva riuscire nell'impresa sfiorata da Il volo due anni fa, o così sostenevano i bookmakers. Invece no, il ritornello tormentone, il balletto e lo scimmione non sono bastati all'Italia. Ancora una volta l'impresa di portare l'Eurovision nello Stivale non è riuscita. L'anno prossimo si terrà molto probabilmente a Lisbona. Oltre al Portogallo, hanno superato l'Italia la Bulgaria e la Moldavia (sul podio), e poi il Belgio e la Svezia. Gabbani è stato penalizzato non tanto dal televoto, quanto da quello delle giurie: solo Albania e Malta gli hanno infatti regalato i 12 punti.

Delusione a parte, come ogni anno la finale dell'Eurovision ha portato rappresentati di ventisei Paesi sul palcoscenico tra ballate romantiche, brani dance e curiosità (una fra tutte lo yodel-rap della Romania). Al di là della classifica, bisognerà vedere quali brani nelle prossime settimane varcheranno i confini nazionali e verranno suonati negli altri Stati. Se Francesco Gabbani ce l'ha già fatta e dopo il Festival di Sanremo la sua canzone è in radio nei Paesi europei e il video conta migliaia di visualizzazioni su YouTube, ci sono altri pezzi che siamo destinati ad ascoltare a breve. Due su tutti, i più danzerecci della kermesse canora: 'I can't go on' dello svedese Robin Bengtsson e 'Hey mamma' dei moldavi Sunstroke Project. Da segnalare anche quella che probabilmente era la voce più bella in gara: il suono basso e corposo del canto della belga Blanche con 'City Lights' che mescola pop e elettronica con influenze tipiche della musica del nord ha regalato la performance e il brano più convincente della competizione.

Scritto da 
  • Chiara Troiano
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Esce 'Mi hai fatto fare tardi', il nuovo singolo per Nina Zilli

Esce 'Mi hai fatto fare tardi', il nuovo singolo per Nina Zilli

Nata dalla collaborazione di Nina con Calcutta, Dario Faini e Tommaso Paradiso dei Thegiornalisti

Rudeejay

Rudeejay presenta nuovo progetto: in console con una girlband

'Under the same sky' è prodotto dalla Universal

Marco Carta torna con 'Tieniti forte': E' il mio disco più maturo

Marco Carta torna con 'Tieniti forte': E' il mio disco più maturo

Dopo nove anni di carriera nel mondo della musica, arriva il sesto album in studio del cantante sardo