Lunedì 20 Marzo 2017 - 09:00

Di Battista: Grillo garante contro infiltrazioni e mele marce

"Faremo di tutto per evitare che qualcuno possa strumentalizzare il nostro movimento"

Di Battista: Grillo garante contro infiltrazioni e mele marce

"Abbiamo un garante e di lui io mi fido. Beppe conosce il territorio e se ha preso quella decisione è perché vuole evitare che qualcuno approfitti della nostra forza per salire sul carro del vincitore". Così Alessandro Di Battista in un'intervista a Repubblica sulla decisione di cambiare il candidato M5s per le elezioni comunali di Genova. Stabilire se ci sono mele marce nel Movimento: "Il garante serve proprio a questo", spiega Di Battista. "Noi rispondiamo ai cittadini che ci hanno votato e faremo di tutto per evitare che qualcuno possa strumentalizzare il nostro movimento - spiega ancora il deputato 5 Stelle - Vogliamo evitare che il giorno dopo le elezioni si assista all'uscita di eletti nel nostro Movimento verso i gruppi misti in Parlamento. Il Misto è il terzo gruppo, è uno scandalo. Bisognerebbe introdurre il vincolo di mandato". Per consegnare ai partiti il potere di far dimettere i parlamentari che dissentono? "Per consegnare ai cittadini il diritto di essere rappresentati da persone che portano avanti il programma per cui sono stati eletti".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Migranti, Tajani: No a 'shopping' dell'asilo, richiesta sia europea

Migranti, Tajani: No a 'shopping' dell'asilo, richiesta sia europea

"L'Ue deve fare la sua parte e vigilare sul rispetto delle quote"

Rai, bocciato il 'Piano informazione' di Dall'Orto. Messa lascia la riunione del Cda

Rai, bocciato Piano informazione del dg Campo Dall'Orto

Il consigliere Messa ha deciso di abbandonare l'incontro: "E' venuta meno la fiducia nell'operato del direttore generale"

Mattarella: Ricordo Falcone non sia rituale, mafia si può battere

Mattarella: Ricordo Falcone non sia rituale, mafia si può battere

Il presidente intervenuto in occasione della commemorazione del venticinquennale della strage di Capaci