Giovedì 16 Marzo 2017 - 09:15

Di Maio: La parola di Lotti, un renziano, non vale nulla

L'esponente M5s: Alleanze? Non offriremo posti

Di Maio: La parola di Lotti, un renziano, non vale nulla

"La parola di Luca Lotti, la parola di un renziano, non vale nulla: deve querelare Luigi Marroni, altrimenti il suo discorso non vale nulla". Così il vicepresidente della Camera del M5s, Luigi Di Maio, in un'intervista al Corriere della Sera, dopo la mozione di sfiducia a Lotti bocciata ieri dal Senato. "Tangentopoli è scoppiata per una querela. Bene, siccome Renzi ora minaccia querela, io dico che Renzi sapeva dell'inchiesta Consip", aggiunge Di Maio, "fa rabbrividire l'atteggiamento di Renzi, che insabbia, sminuisce, glissa". "Noi non chiediamo le dimissioni di Lotti perché indagato, ma perché è coinvolto in una vicenda torbida, che riguarda anche il padre del premier. Lotti ha commesso un fatto gravissimo, ha tentato di sabotare le indagini dei carabinieri", attacca Di Maio, secondo cui Renzi ha fatto dimettere i ministri Lupi e Guidi e il sottosegretario Gentile e non Lotti, perchè "se cade Lotti cade il governo".

"I 5 Stelle puntano al 40 per cento. Poi ci presenteremo alle Camere, senza offrire poltrone, chiedendo a chi lo vuole di condividere il nostro programma" ha aggiunto Di Maio nell'intervista.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

I leader del G7 assistono all'esibizione delle Frecce tricolori

G7 a Taormina, accordo contro il terrorismo. Gentiloni: Resta in sospeso questione clima

Trump valuta il ritiro del suo Paese dall'accordo di Parigi del 2015. Verso compromesso su migranti FOTO-VIDEO

G7 Mattarella: No improbabile ritorno a Stato baluardo contro straniero

G7, Mattarella: No a ritorno di Stato baluardo contro straniero

Il presidente è intervenuto prima della cena ufficiale in onore ai Capi di Stato e di Governo partecipanti al G7

Legge elettorale, domani e il 28 si vota online proposta M5s

Legge elettorale, domani e il 28 si vota online proposta M5s

"Il tempo è già abbondantemente scaduto e serve chiarezza"

Designati 5 direttori musei ad interim dopo sentenza Tar Lazio

Designati 5 direttori musei ad interim dopo sentenza Tar Lazio

La Direzione generale Musei ha scelto direttori supplenti