Domenica 12 Novembre 2017 - 21:45

Di Maio: "Non potevo legittimare Renzi, anche in Pd è in discussione"

Il candidato premier M5S spiega così il dietro front sul faccia a faccia con il segretario dem

Presentazione del libro Morte dei Paschi

"Sapevo che sarebbe andata male per il Pd ma non così male. Non potevo andare in tv e legittimare Renzi, una persona che lo stesso partito sta mettendo in discussione". Luigi Di Maio spiega così, ai microfoni di Fabio fazio a 'Che tempo che fa', la scelta di ritirarsi dal faccia a faccia che lui stesso aveva proposto al segretario del Pd Matteo Renzi.

Il candidato premier del M5s non risparmia una stoccata al Rosatellum: "Questa è una legge elettorale fatta in modo da favorire un accordo tra Forza Italia e Pd, ma i numeri per fare l'accordo non li avranno. Noi, anche dopo il risultato in Sicilia, possiamo arrivare al 40% e rompere il loro giochetto". E ha aggiunto: "Se noi la sera delle elezioni saremo la prima forza politica del paese, e Pd e Forza Italia non avranno i numeri per fare un governo, diremo a tutti: non venite a chiederci le poltrone o posti, se c'è convergenza sui temi si va dal presidente della Repubblica e si fa un governo". 

Loading the player...
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Leopolda al via, Renzi arriva in treno. Prodi: "Non sapevo ci fosse"

Parte la kermesse ideata dal segretario dem nel 2010. Frecciatina del padre dell'Ulivo

Rapporto Civita. Il Soft Power dell'Italia

Pd, al via 'L8' Incontro: una Leopolda vintage rivolta ai millenials

La kermesse politica ideata da Renzi apre i battenti con uno stile retrò che ammicca ai giovani

Milano, manifestazione Cgil Cisl e Uil

Pensioni, Cgil: "Proposta del governo è insufficiente, il 2 dicembre in piazza"

Il sindacato lancia la mobilitazione "per garantire futuro ai giovani". Cinque manifestazioni in contemporanea a Roma, Torino, Bari, Palermo e Cagliari

FILE PHOTO: Forza Italia leader Silvio Berlusconi gestures during EPP European People's Party meeting in Fiuggi

Berlusconi alla Confapi: "M5S è invidia e odio sociale"

Telefonata del Cavaliere per i 70 anni dell'associazione della piccola e media impresa. Attacco ai grillini e difesa del ruolo dell'imprenditore