Domenica 12 Novembre 2017 - 21:45

Di Maio: "Non potevo legittimare Renzi, anche in Pd è in discussione"

Il candidato premier M5S spiega così il dietro front sul faccia a faccia con il segretario dem

Presentazione del libro Morte dei Paschi

"Sapevo che sarebbe andata male per il Pd ma non così male. Non potevo andare in tv e legittimare Renzi, una persona che lo stesso partito sta mettendo in discussione". Luigi Di Maio spiega così, ai microfoni di Fabio fazio a 'Che tempo che fa', la scelta di ritirarsi dal faccia a faccia che lui stesso aveva proposto al segretario del Pd Matteo Renzi.

Il candidato premier del M5s non risparmia una stoccata al Rosatellum: "Questa è una legge elettorale fatta in modo da favorire un accordo tra Forza Italia e Pd, ma i numeri per fare l'accordo non li avranno. Noi, anche dopo il risultato in Sicilia, possiamo arrivare al 40% e rompere il loro giochetto". E ha aggiunto: "Se noi la sera delle elezioni saremo la prima forza politica del paese, e Pd e Forza Italia non avranno i numeri per fare un governo, diremo a tutti: non venite a chiederci le poltrone o posti, se c'è convergenza sui temi si va dal presidente della Repubblica e si fa un governo". 

Loading the player...
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Senato - Presentazione della relazione finale della commissione Antimafia

Mafia, Minniti: "Troppo silenzio in campagna elettorale. Rischio infiltrazioni"

La commissione bicamerale Antimafia presieduta da Rosy Bindi lancia l'allarme

Università Angelicum. Paolo Gentiloni incontra gli elettori

Embraco, Calenda sui fondi alla Slovacchia: 'Così non è mercato'

Intervista al ministro per "Upday for Samsung": "Delle buone intenzioni della Ue non me ne faccio niente. Verificare se sono stati usati per attrarre aziende

Messa in occasione dei 50 anni della Comunità di Sant'Egidio.

Ema, Tajani scrive a Juncker: "Chiesti tutti i dettagli dell'offerta olandese"

Necessari "per permettere al Parlamento di deliberare sulla questione in modo significativo e informato"

Gentiloni scrive a suoi elettori: "Non fidatevi delle promesse mirabolanti"

Il premier veste i panni del candidato e in una lettera si rivolge ai suoi concittadini