Martedì 06 Ottobre 2015 - 15:45

Doping, Kostner: Ho fatto errore, ero in buona fede

La pattinatrice ha spiegato la ratifica da parte del Tribunale arbitrale dello sport dell'accordo che le ha permesso di tornare in gara dal primo gennaio 2016

Conferenza stampa di Carolina Kostner a Milano
 "Ho fatto un errore: lo riconosco. Sono consapevole di averlo commesso. Sono convinta, comunque, che l'avevo fatto in buona fede". Così la pattinatrice su ghiaccio Carolina Kostner in conferenza stampa a Milano spiegando la ratifica da parte del Tribunale arbitrale dello sport dell'accordo che le ha permesso di tornare in gara dal primo gennaio 2016, dopo la squalifica per aver 'coperto' nel 2012 il suo allora fidanzato Alex Schwazer.
 
 "La vita ti segna, è ovvio. Non l'ho sentito (Alex Schwazer, ndr) ultimamente: abbiamo interrotto i contatti. Gli auguro di cuore che la vicenda abbia un termine, finisca e che possa tornare a guardare al futuro con serenità - ha continuato Carolina -. Non ho ritrovato l'amore e non ho paura di ritrovarlo. Lasciamo spazio alla vita di sorprenderci in modo positivo".
 
Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Il Lombardia 2017 - Bergamo - Como - 247 km

Ciclismo, calcio, volley: ecco la tv sportiva su Lapresse.it

Dalla Ciclismo Cup, al Futsal e ai tornei giovanili di calcio. Dal beach volley al pugilato alla Mtb. Con PmgSport, un palinsesto online per chi ama lo sport

Sci alpino, Slalom Gigante in Val d'Isere

Sci alpino, gigante Val d'Isere: trionfa Pinturault. Fondo: Pellegrino secondo

Il francese ha concluso in 1'51"18. Il migliore tra gli italiani è Florian Eisath. Nel circuito amico di Davos, l'azzurro alle spalle di un inarrivabile Klaebo

Pyeongchang 2018, atleti russi ricorrono al Tas contro l'esclusione dai Giochi

Ieri il provvedimento del Cio dopo il coinvolgimento del Paese nello scandalo doping. Wada: "Decisione consapevole"

Scandalo doping, Russia esclusa da Pyeongchang 2018

Ma alcuni atleti potranno gareggiare ugualmente sotto la bandiera olimpica