Martedì 28 Novembre 2017 - 14:15

Droga e traffico di uomini. Riciclaggio tramite l'hawala

Una banda "ripuliva" milioni attraverso il tradizionale sistema di movimentazione dl denaro. Sgominata dalla Gdf. Legami con il terrorismo

Assenteismo, blitz della Gdf: 35 arresti al Comune di Sanremo

Utilizzavano il sistema della 'hawala', una metodo per trasferire denaro basato sulla fiducia molto diffuso in Medio Oriente, Nord Africa, nel Corno d'Africa ed in Asia meridionale, per riciclare i proventi del traffico di droga e di esseri umani e di altri reati. Gli uomini nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Milano, coordinati dai pm Alberto Nobili e Adriano Scudieri, hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip Teresa De Pascale nei confronti di 13 persone di nazionalità egiziana, siriana e marocchina.

Nell'ambito dell'operazione, che ha preso il nome di 'Liquid Gold', sono state eseguite anche numerose perquisizioni in Lombardia, Piemonte, Lazio e in Ungheria, nel corso delle quali è stato sequestrato denaro contante per circa 1 milione (in euro, dollari e altre valute straniere), ed è stato eseguito sequestro preventivo, anche per equivalente, di beni per quasi 4 milioni di euro.

L'organizzazione, sempre utilizzando il metro dell''hawala', prestava anche denaro a tassi elevati. Le indagini, svolte in collaborazione con la magistratura ungherese, sono state coordinate dalla Procura Nazionale Antimafia e Antiterrorismo e dal supporto del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata della Guardia di Finanza (S.C.I.C.O.).

A dare il via all'inchiesta è stato controllo effettuato nel maggio del 2015 all'aeroporto di Linate. A destare sospetti è stato un cittadino libico, che stava cercando di entrare in Italia portando con se circa 300mila euro in contanti. L'uomo aveva anche foto, video ed email che inneggiavano alla jihad e tra il 2013 e 2015 aveva fatto viaggi in Germania, Francia, Olanda e in Italia portando con se denaro per circa 50 milioni di euro.

Il libico, da quanto è emerso dagli accertamenti, era al vertice di un'associazione per delinquere, che ha base a Milano e nell'hinterland e all'estero, tra Marocco, Egitto, Libia e Ungheria. L'organizzazione si occupava di raccogliere e trasferire con il sistema dell''hawala' ingenti somme di denaro di origine illecita. In particolare, l'associazione a delinquere composta dai network di Sadig e Haj Ibrahim, operava come una vera e propria 'stanza di compensazione' internazionale. I clienti dell'organizzazione, che trafficavano in droga, gestivano traffici di immigrazione clandestina ed commettevano altri reati, consegnavano il denaro ai broker-hawala presenti sul territorio e ricevevano un codice da inviare alle controparti all'estero, che avrebbero ritirato i fondi dai broker nei loro stati. Questa struttura clandestina era coordinata dagli 'hawaladar' di riferimento che impartivano, di volta in volta, le disposizioni ai broker-hawala.

Per garantire la liquidità all'interno del sistema, l'associazione spostava ingenti quantitativi di denaro tra i vari Stati avvalendosi di cash courier. Nell'ambito della stessa operazione, la Procura di Venezia, infine, ha disposto il fermo di un siriano, legato all'organizzazione sgominata dagli inquirenti milanesi.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Mamma no vax falsifica documenti sui vaccini: si vanta su Fb, denunciata

Nella conversazione spiega compiaciuta il 'trucchetto' con cui ha ingannato l'asilo di Esine (Brescia)

Sub muore nel lago di Como, grave il compagno d'immersione

La vittima ha 47 anni. Il secondo sommozzatore, anch'egli 47enne, è ricoverato al Niguarda

Lombardia, contraccettivi gratis per gli under 24 nei consultori

L'ordine del giorno mira a sostenere la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili e la procreazione responsabile

Brescia, bimba dodicenne autistica dispersa nei boschi di Serle

Brescia, nessuna traccia di Iushra: ultimo giorno di ricerche nei boschi

La 12enne autistica scomparsa nove giorni fa sull'altopiano di Cariadeghe. Un testimone ha raccontato di aver notato una ragazzina su una panchina, la stessa immagine vista da una sensitiva di Padova