Sabato 07 Ottobre 2017 - 12:00

E' morto a 87 anni Lorenzo Gancia, re dello spumante piemontese

E' stato anche vicepresidente di Confindustria e presidente del Sole 24 Ore

E' morto Lorenzo Gancia, re dello spumante piemontese

Lutto nel mondo dell'imprenditoria, in particolare in quella del vino. E' mancato Lorenzo Vallarino Gancia, a 87 anni, nella sua cità, Canelli (At), sede dell'omonima casa spumantiera, di cui è stato contitolare. E' stato anche fra i principali promotori dell'iniziativa che ha portato al riconoscimento dei paesaggi vitivinicoli piemontesi di Langhe-Roero come Patrimonio Unesco. Forte il suo interesse per la cultura e per le tradizioni del territorio.

L'azienda di famiglia di Gancia passò poi alla multinazionale russa, Russian standard corporation. Lorenzo Gancia è stato l'ultimo proprietario della casa vinicola prima della cessione dell'azienda. Nel '70 Lorenzo Gancia divenne vicepresidente di Confindustria con delega ai rapporti esterni. E' stato anche presidente del Sole 24 Ore.

"Lorenzo Vallarino Gancia ha sostenuto il progetto per il riconoscimento Unesco ai Paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato come Patrimonio Mondiale. Lo conobbi in quel periodo in occasione delle attività della associazione 'Canelli domani' a favore di quella candidatura di cui Lorenzo Gancia è stato uno dei maggiori artefici e per cui mostrò grande sensibilità. Gli dobbiamo molto per questo risultato per cui verrà ricordato, oltre che  per la sua attività di imprenditore", racconta a LaPresse Marco Gabusi, il sindaco di Canelli e presidente della Provincia di Asti, ricordando Gancia.

Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Conferenza stampa AC Milan - Ritiro estivo per la stagione 2018/2019

Torino, 43 indagati per riciclaggio: tra loro c'è anche Gattuso

Al centro dell'indagine una società specializzata nell'allevamento di suini di cui l'allenatore del Milan era socio di minoranza

Ivrea è patrimonio mondiale dell'Unesco, è il 54esimo sito italiano

Una città che unisce un'esperienza innovativa di produzione industriale al benessere delle comunità locali

Luigi Di Maio a Torino

Olimpiadi 2026, Di Maio ricuce lo strappo: Torino si candida

Il ministro è riuscito a sedare la prima vera crisi tra Appendino e la sua maggioranza. Lunedì in consiglio comunale la presentazione del modello torinese

Consiglio Regionale del Piemonte

Olimpiadi 2026, la mossa disperata di Chiamparino per riacquistare centralità

Il governatore della Regione cerca nuovi spazi e chiede un incontro a Giorgetti. Ma per risollevare le sorti della Torino olimpica i suoi slanci a scoppio ritardato non sono sufficienti