Sabato 07 Ottobre 2017 - 12:00

E' morto a 87 anni Lorenzo Gancia, re dello spumante piemontese

E' stato anche vicepresidente di Confindustria e presidente del Sole 24 Ore

E' morto Lorenzo Gancia, re dello spumante piemontese

Lutto nel mondo dell'imprenditoria, in particolare in quella del vino. E' mancato Lorenzo Vallarino Gancia, a 87 anni, nella sua cità, Canelli (At), sede dell'omonima casa spumantiera, di cui è stato contitolare. E' stato anche fra i principali promotori dell'iniziativa che ha portato al riconoscimento dei paesaggi vitivinicoli piemontesi di Langhe-Roero come Patrimonio Unesco. Forte il suo interesse per la cultura e per le tradizioni del territorio.

L'azienda di famiglia di Gancia passò poi alla multinazionale russa, Russian standard corporation. Lorenzo Gancia è stato l'ultimo proprietario della casa vinicola prima della cessione dell'azienda. Nel '70 Lorenzo Gancia divenne vicepresidente di Confindustria con delega ai rapporti esterni. E' stato anche presidente del Sole 24 Ore.

"Lorenzo Vallarino Gancia ha sostenuto il progetto per il riconoscimento Unesco ai Paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato come Patrimonio Mondiale. Lo conobbi in quel periodo in occasione delle attività della associazione 'Canelli domani' a favore di quella candidatura di cui Lorenzo Gancia è stato uno dei maggiori artefici e per cui mostrò grande sensibilità. Gli dobbiamo molto per questo risultato per cui verrà ricordato, oltre che  per la sua attività di imprenditore", racconta a LaPresse Marco Gabusi, il sindaco di Canelli e presidente della Provincia di Asti, ricordando Gancia.

Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Prima nevicata a Milano

Neve e ghiaccio su strade e ferrovie. Blocchi in Piemonte e Liguria. Rischi alluvione in Toscana

Situazione complicata per i trasporti nel Nord Ovest. Chiuse autostrade e linee ferroviarie. La spiegazione della parola "gelicidio"

The logo of Thyssen Krupp AG is pictured at the gate one of the ThyssenKrupp steel plant in Duisburg

Thyssen, sette vittime, dieci anni, cinque processi e sei condanne

I numeri di una vicenda atroce. In primo grado l'omicidio con dolo eventuale. Poi diventato colposo con riduzione delle pene: quattro dirigenti italiani in carcere, ma i due tedeschi...

Dopo Vercelli, chieste le telecamere negli asili. Cosa ne pensate?

Alcune famiglie dei bimbi che hanno subito le violenze delle maestre, vogliono che la scuola sia in grado di controllare quello che accade nelle classi. Un sondaggio di LaPresse

Violentata ripetutamente da amico di famiglia: incinta a 11 anni

Arrestato a Barriera di Milano, in provincia di Torino, un uomo di 35 anni che la bambina chiamava zio