Sabato 13 Maggio 2017 - 21:00

Morto Oliviero Beha, protagonista del giornalismo italiano

Lo scrittore aveva 68 anni ed era malato da tempo

Oliviero Beha

E' morto Oliviero Beha. Lo si apprende dalla famiglia. Lo scrittore, 68 anni, era malato da tempo. Giornalista, scrittore, autore televisivo e radiofonico, era nato a Firenze, il 14 gennaio del 1949. Ha iniziato la carriera giornalistica, occupandosi di sport, a Paese Sera, per poi passare a Repubblica che lasciò a inizio anni Ottanta.
Ha lavorato in Rai e continuato a scrivere su fino all'ultimo.
E' stato inoltre autore di testi teatrali, di numerosi saggi e raccolte di poesie, che hanno vinto diversi premi. Tra i libri pubblicati: 'Sono stato io' (Tropea Editore, 2004), 'Crescete & Prostituitevi' (Bur, 2005), 'Indagine sul calcio' (Bur, 2006, con Andrea Di Caro), 'Italiopoli' (Chiarelettere, 2007, prefazione di Beppe Grillo), 'Dopo di lui il Diluvio' (Chiarelettere, 2010), 'Il calcio alla sbarra' (Bur, 2011, insieme ad Andrea di Caro), 'Il culo e lo stivale' (Chiarelettere, 2012), 'Un cuore in fuga' (Piemme, 2014). Lascia la moglie e tre figli.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Palermo, nuovo sbarco di migranti al porto: 241 sono bambini

"In Europa e Italia donne e bambini a rischio sfruttamento"

Il rapporto di Save the Children. Nel nostro paese nel 2016 le vittime sono state 1.172

Milano, 7mila euro per falsi permessi di soggiorno: in carcere 're delle trans'

Milano, 7mila euro per falsi permessi di soggiorno: in carcere 're delle trans'

Secondo gli investigatori, Biagio Lomolino era a capo di un giro di prostituzione dei trans sudamericane nel capoluogo lombardo

Processo Talluto, la pm chiede l'ergastolo per 'l'untore dell'hiv'

Il 32enne sieropositivo è accusato di epidemia dolosa e lesioni gravissime, per aver contagiato negli anni decine di partner con rapporti non protetti

Gasolio rubato in Libia e rivenduto in Italia ed Europa: sei arresti a Catania VIDEO

La merce veniva sottratta dalla raffineria di Zawyia, trasportata via mare in Sicilia e successivamente immessa nel mercato