Mercoledì 13 Settembre 2017 - 14:15

Elisa all'Arena: 20 anni dopo non è più una ragazza arrabbiata

Attesi a Verona 48mila fan per celebrare vent'anni di carriera nei quattro concerti-evento 'Togheter here we are'

Elisa regina all'Arena: 20 anni dopo non è più una ragazza arrabbiata

"Ero solo una ragazzina molto arrabbiata". Inizia così, Elisa, il suo viaggio che porterà lei e i suoi 48mila fan dell'Arena di Verona a ricordare vent'anni di carriera e di successi nei quattro concerti-evento 'Togheter here we are'. Quella ragazzina timida e arrabbiata c'è ancora, ma rimane sullo sfondo, lasciando spazio a una rocker capace di accompagnare per tre ore, senza sosta, il suo pubblico. C'è chi assisterà solo alla prima serata, quella pop-rock, e chi invece ci sarà per tutti e quattro gli appuntamenti: dopo l'apertura, infatti, ci sono il concerto acustico-gospel e i due orchestrali. Ogni sera sarà diversa dalla precedente e rivedrà in una chiave nuova quelli che ormai sono considerati i grandi classici della cantante di friulana.

Celebrazione del passato, sì, ma con uno sguardo rivolto al futuro. Curiosamente, infatti, la grande festa per i vent'anni di carriera di Elisa non si apre con un successo ma con l'inedito 'Ogni istante'. Un regalo che l'artista ha voluto fare ai suoi fan. Solo chi ha acquistato i biglietti del live o ha la tessera del fan club potrà avere subito in omaggio il singolo. Gli altri dovranno aspettare il 22 settembre per ascoltarlo in radio.

Presentato il nuovo brano, Elisa non si ferma e canta, balla e suona senza sosta. Non ci sono tempi morti, poche le chiacchiere. Solo la musica. Trova il tempo per il cambio d'abito, con il quale passa da un sobrio tailleur pantalone nero, con l'unico vezzo del sotto giacca trasparente, fino a un vestito alla Jessica Rabbit, rosso di paillettes, e ad uno argentato. Segno di una femminilità prima sopita e ora esplosa, lasciando in disparte l'Elisa più timida e timorosa. Di paure, dopo vent'anni, non ce ne sono più e la cantante si mangia ogni centimetro di palco sia quando scopre le sue venature più rock sia quando canta con dolcezza. Sempre senza sbagliare una nota. Chi andrà all'Arena di Verona non rimarrà deluso. Per tutti gli altri, non resta che sperare che la Fascino produca in fretta le riprese delle quattro serate e dia loro uno sviluppo televisivo per godere anche da casa di questa festa.

Una festa, appunto, "collettiva - come lei stessa racconta a fine concerto - La musica per me è condivisione, questo è l'unico modo in cui mi andava di celebrare i miei vent'anni di carriera. Da sola non so se l'avrei mai fatto". E, infatti, sul palco ci sono tanti amici. Il primo a sciogliere il ghiaccio è Giuliano Sangiorgi: uno dei duetti più emozionanti della serata con 'Ti vorrei sollevare'. Ma dopo il leader dei Negramaro arrivano le straordinarie voci di Francesco Renga, Giorgia e LP che, proprio come Elisa, sembrano alieni tanto cantano, nonostante l'emozione, senza sbavature. E poi Emma, Alessandra Amoroso. Per non dimenticare Loredana Bertè con cui 'la festeggiata' canta una splendida versione di 'Almeno tu nell'universo'. Con Tommaso Paradiso, il duetto è un po' meno riuscito: la scelta ricade su 'Anima Fragile' perché, spiega Elisa, "abbiamo in comune la passione per Vasco".

Oltre a questi amici, ce ne sono altri, diversi, per ogni serata. Per la acustica-gospel Luca Carboni, Francesco De Gregori, Fabri Fibra, Jack Savoretti e Federico Zampaglione. Alla prima orchestrale, venerdì 15 settembre, ci saranno Mail Biondi, Francesca Michielin, Gianna Nannini, Mauro Pagani, Corrado Rustici e Renato Zero. Per la serata conclusiva di sabato, ospiti Carmen Consoli, Fiorella Mannoia, Ermal Meta, Gino Paolo, Ornella Vanoni.

Finita la prima 'rata' di festeggiamenti ed emozioni con i suoi amici, Elisa torna di nuovo a pensare al futuro. E così, ciò che ha aperto il primo live lo chiude anche: la versione inglese del nuovo singolo, 'Yours to keep', che nel suo testo originale fa riferimento proprio a questi vent'anni di lavoro e passione. A vederla, oggi, sembra che quella ragazzina arrabbiata non abbia davvero più motivo di esserlo.

LA SCALETTA DELLA PRIMA SERATA. Intro, Ogni istante, Labyrinth, No hero, The waves, Stay, L'anima vola, Una poesia anche per te, Ti vorrei sollevare (con Giuliano Sangiorgi), Sorrido già (con Giuliano Sangiorgi e Emma), Comunque andare (con Alessandra Amoroso), Anima fragile (con Tommaso Paradiso), Sleeping in your hand, Rainbow, Bruciare per te, Dancing, Vivendo adesso (Francesco Renga), Eppure sentire, Heaven out of hell, Luce (con Giorgia), A modo tuo, Almeno tu nell'universo (con Loredana Bertè), Strange (con LP), Medley Mad World-Joy-Fever, Togheter, Cure me, She loves you, Ostacoli del cuore, Yours to keep.

Scritto da 
  • dalla nostra inviata Chiara Troiano
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Cremonini e i suoi 'Possibili scenari': "Ho provato l'ebrezza del coraggio"

Dopo due anni di intenso lavoro in studio, ecco il nuovo album. Il singolo 'Poetica' la sua scommessa più grande

Fatti mandare dalla mamma: adesso la canta Fiorello con Danti | VIDEO

Il singolo di Gianni Morandi reinterpretato in versione trapper con tanto di backstage

New Kids on the block ritratti

"Nick Carter mi violentò. Colpa non è delle vittime, denunciate"

Melissa Schuman esce allo scoperto dopo 15 anni per battersi contro il fenomeno del "victim blaming". Ma il cantante respinge ogni accusa

Foto tratta dalla pagina Facebook degli AC/DC

Morto Malcolm Young, chitarrista e cofondatore degli AC/DC

Scomparso a 64 anni dopo una lunga malattia