Mercoledì 28 Febbraio 2018 - 20:00

Embraco, si muove l'Europa. Tajani: "Ministro del Brasile farà tutto il possibile"

La commissaria Vestager dovrà ora capire cosa è realmente successo in Slovacchia e se ci siano in ballo anche aiuti pubblici europei all'azienda

Embraco: nuovo presidio, i dipendenti si legano ai cancelli

Il caso Embraco arriva al Parlamento Europeo dopo che, sulla decisione del gruppo Whirlpool di delocalizzare in Slovacchia lo stabilimento di Riva di Chieri nel torinese, era stata investita dal ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda anche la Commissione Ue.

Una delegazioni di lavoratori, assieme al governatore del Piemonte Sergio Chiamparino, si è recata a Bruxelles e ha incontrato il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani e poi gli europarlamentari delle diverse forze politiche, che presenteranno insieme una interrogazione orale alla Commissaria per la Concorrenza Margrethe Vestager per chiedere di salvare il lavoro degli operai.

In serata, Tajani ha detto di aver contattato il ministro dell'Industria brasiliano Marcos Jorge de Lima che "ha assicurato che farà tutto il possibile per dare una mano e che convocherà Embraco per capire come evolve la situazione". Il presidente Tajani ha anche spiegato che il ministro "de Lima ha poi considerato positiva l'idea di  contattare gli americani. Noi stiamo cercando di farlo, il mio gabinetto - ha assicurato - si è messo in contatto con l'addetto commerciale dell'ambasciata Usa" presso l'Unione Europeo a Bruxelles.

La vertenza dell'azienda del torinese, che produce compressori per frigoriferi, per il numero uno dell'organo di rappresentanza politica dei Paesi Ue "non è un caso solo italiano, ma europeo". Il timore è che questa vicenda, che mette a rischio 500 posti di lavoro, possa creare un pericoloso precedente, in cui pezzi di industria europea vengono spostati da una parte all'altra della Ue.

Intanto il ministro Calenda sta "lavorando a tutto campo" per il dossier Embraco e ha avuto dei contatti anche con l'amministratore delegato di Whirlpool, Marc Bitzer. E dalla società brasiliana Embraco, controllata dal gruppo americano, potrebbero arrivare nuove proposte e il capo azienda avrebbe assicurato che monitorerà personalmente la questione.

Parlare di Embraco significa parlare di politica industriale europea, il cui obiettivo - ha sottolineato Tajani - "non è di far perdere posti di lavoro in Italia e spostarli in Slovacchia facendo dumping sociale ma di fare aumentare l'occupazione in generale". Il presidente dell'europarlamento chiama in causa la responsabilità di una impresa: Embraco "in Piemonte è in attivo, che funziona, e quindi perché spostarla? Solo per guadagnare di più, ma la nostra stella polare è l'economia sociale di mercato ed è ancora più grave se si utilizzano fondi comunitari per farlo". Sullo sfondo l'azione della commissaria europea Vestager cui spetta indagare su cosa è realmente successo in Slovacchia e se ci siano in ballo anche aiuti pubblici europei all'azienda.

L'augurio di Chiamparino è che "il gruppo Whirlpool-Embraco rifletta sul fatto che stanno assumendo un atteggiamento totalmente contrario al concetto di responsabilità sociale d'azienda. Noi stiamo chiedendo a Embraco di ritirare i 500 licenziamenti e di sostituirli con la cassa integrazione per consentire alle istituzioni locali, al governo nazionale e alle organizzazioni sindacali di discutere con l'azienda un serio progettodi reindustralizzazione". Per il governatore subalpino finora la vicenda Embraco mette in evidenza quanto l'azienda "sia isolata rispetto al contesto europeo", ma c'è anche "la massima disponibilità" delle istituzioni "a sedersi al tavolo, riaprire la trattativa e salvare il lavoro di 500 persone".

A fare pressing ci sono anche gli eurodeputati italiani. Daniele Viotti, europarlamentare dem, ha fatto sapere che stanno valutando anche se scrivere alla Vestager una lettera per chiederle con forza di verificare se siano stati erogati aiuti pubblici, o, cosa ancor più grave, fondi strutturali europei".

Scritto da 
  • Laura Carcano
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Bruxelles, conferenza stampa del commissario Malmstrom sui dazi Usa

Moto, barche, Levi's e trucchi. Ecco i dazi europei sui prodotti Usa

Scattati dalla mezzanotte. Variano dal 10 al 25 per cento. Riguardano circa 200 categorie. Si va dal burro d'arachidi al fondotinta, dalle carte da gioco a succo d'arancia

La Grecia promossa dall'Eurogruppo: dopo 8 anni finisce la crisi, ok al taglio del debito

La decisione dopo una lunga maratona. Allungate di 10 anni le scadenze dei prestiti. Moscovici: "È un momento storico"

Fox, Disney mette sul piatto 71,3 miliardi di dollari: è nuovo accordo

Intesa su 38 dollari ad azione. Comcast manca l'affondo