Giovedì 02 Novembre 2017 - 15:00

Emergenza smog, a Torino torna blocco diesel fino a Euro4

Valori di Pm10 ancora troppo elevati. Nuovo stop in città da domani

Il Comune di Torino ripristina le misure antismog e da domani torna il blocco per tutti i veicoli diesel, fino all'Euro4 compreso. Le misure di emergenza sono state concordate da tutte le città della Pianura Padana e sono da applicare, come previsto nell'accordo firmato da quattro Regioni e dalle amministrazioni comunali di Torino, Milano e Bologna, fino al 31 marzo 2018. A queste, poi, si aggiungono le misure aggiuntive approvate dalla giunta comunale. Sono venute a mancare, infatti, le condizioni che avevano consigliato di sospendere il blocco, ovvero le conseguenze sull'aria cittadina degli incendi che hanno colpito pesantemente la Valsusa nei giorni scorsi.

Visto il perdurare di valori di Pm10 superiori alla soglia di 50 microgrammi al metro cubo oltre i quattro giorni previsti, a partire da domani 3 novembre torna il blocco "arancio" che ferma le autovetture private ad alimentazione diesel con classe emissiva inferiore e uguale ad euro4. Tali veicoli non potranno circolare in città dalle ore 8 alle ore 19 tutti i giorni, festivi compresi. Anche per i mezzi commerciali ad alimentazione diesel il blocco è confermato fino alla classe euro4, ma con orario 8,30-14 e 16-19 dal lunedì al venerdì, 8.30-15 e 17-19 il sabato e nei giorni festivi.

Dal 1 ottobre al 31 marzo, inoltre, è vietata la circolazione di tutte le auto con classe emissiva euro0 - con qualsiasi alimentazione - e dei diesel fino all'euro2 compreso, dalle ore 8 alle ore 19 tutti i giorni, festivi compresi.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Torino, trascinata per metri da auto pirata: morta donna anziana

L'investitore è fuggito senza fermarsi a prestare soccorso

Walter Veltroni morso da un cane alla Festa dell'Unità: primo soccorso in ambulanza

Monacalieri, 7 medici indagati per una donna morta di parto

Il provvedimento della Procura di Torino. I fatti si riferiscono all'aprile dell'anno scorso. Anche la figlioletta nacque morta

Embraco conferma 500 licenziamenti. Calenda: "Atto irresponsabile"

L'azienda del gruppo Whirlpool pronta a mandare a casa i lavoratori dello stabilimento di Riva di Chieri, nel torinese

Milano, deraglia treno tra Pioltello e Segrate

Treno deragliato a Milano, figlio di ferito: "Nessuno sapeva dirci se fosse vivo"

Il racconto: "È mancata la comunicazione ai familiari. Anche io sarei dovuto essere su quel convoglio"