Martedì 07 Marzo 2017 - 14:15

Stone: Io come in La La Land, quante delusioni prima di riuscire

L'attrice premio Oscar è la protagonista della copertina di 'F'

Emma Stone: Io come in La La Land, quante delusioni prima di riuscire

Una bellezza sommessa, aggraziata, con quel tanto di imperfezione che la rende umana: Emma Stone è la protagonista della copertina di 'F', il settimanale femminile di Cairo Editore diretto da Marisa Deimichei, in edicola domani. Dietro alla donna che ha appena vinto l'Oscar come miglior attrice protagonista per 'La La Land' si nasconde una ragazza comune, proprio come quella che ha interpretato nel film, che ha fallito molte volte prima di coronare il suo sogno, per questo la sua interpretazione è stata perfetta.

"Ho trascorso ore in sala d'attesa - racconta Emma Stone - insieme a ragazze che sembravano simili a me. Los Angeles è un posto difficile: una città di sognatori, intensa, ma anche piena di luoghi oscuri. Non sono mai arrivata a pensare di mollare tutto, ma sono passati degli anni prima che si accorgessero davvero di me".
Nell'articolo spazio anche al suo stile di vita fuori dal set e ai suoi amori, tra cui quello più importante con l'attore Andrew Garfield.

Scritto da 
  • redazione
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Premiere di "The Promise" a Los Angeles

Molestie, una fan accusa Stallone ma lui nega: "Storia ridicola e falsa"

La donna ha dichiarato che, nel 1986, l'attore la costrinse ad avere un rapporto sessuale a tre

Molestie, accuse a Sylvester Stallone: fan 16enne costretta a rapporto a tre

La violenza - riporta il Daily Mail - sarebbe avvenuta in un albergo di Las Vegas nel 1986, quando l'attore lavorava ad 'Over the Top'

Kevin Spacey allegations

Molestie, teatro Old Vic Londra: 20 testimonianze contro Kevin Spacey

L'attore ne è stato il direttore artistico dal 2004 al 2015

Accuse a Brizzi, la moglie lo difende: "Per me sono solo voci"

Non la pensa così Asia Argento, che su 'Oggi' dichiara: "Non l'ho mai conosciuto ma sono dalla parte delle vittime. Non si può dubitare di dieci ragazze che raccontano lo stesso modus operandi"