Domenica 05 Giugno 2016 - 09:15

Eni, Descalzi: In Libia per portare sviluppo e stabilità

Ieri ha incontrato il premier del governo di riconciliazione Al Sarraj

Eni, Descalzi: In Libia per portare sviluppo e stabilità

La priorità, per la Libia, è "avere la stabilità". Lo ha detto, intervistato dalla Stampa, il numero uno di Eni, Claudio Descalzi, di ritorno da Tripoli dove ieri ha incontrato il premier del governo di riconciliazione Al Sarraj. E' la prima visita di Eni in Libia dalla rottura fra le componenti del Paese nell'estate del 2014. "Abbiamo parlato di lavoro, di energia, delle cose da fare - ha spiegato -. La stabilità si porta portando lavoro. Vogliamo avere sicurezza? Anzitutto lavoriamo sullo sviluppo di quelle popolazioni".
 

"Il 60% della nostra produzione giornaliera - ha proseguito Descalzi -, che ammonta a 35 milioni di metri cubi di gas va ad alimentare il mercato locale, a far funzionare le centrali elettriche del Paese. Il gas va bene, la produzione di petrolio invece fatica. Prima della crisi il Paese produceva circa 1,5 milioni di barili, ora a stento 350 mila". Sull'assenza di competitor ha detto: "Spero tornino tutti i grandi concorrenti, da Total a Bp a Exxon. In Libia vogliamo competere, significherebbe più sviluppo e più investimenti, è auspicabile non essere so

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ultimo elettrizzante appuntamento con la Porsche Carrera Cup Italia 2017

All’Autodromo di Monza due emozionanti giornate di gare in diretta su Eurosport 2 e DMAX

Mp & Silva, Seamus O'Brien nominato Presidente e CEO del gruppo

La media company leader nella distribuzione di diritti sportivi a livello globale annuncia nuove nomine

Il Governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco al Meeting di CL Comunione e Liberazione

Bankitalia, per Visco più vicina la riconferma

Difficile che Mattarella e Gentiloni vogliano darla vinta a Renzi nominando un nuovo inquilino di via Nazionale

Crisi Alitalia - Aerei Alitalia atterrano e decollano dall'aeroporto di Fiumicino

Alitalia chiede nuova cassa integrazione per 1.800 dipendenti

Coinvolti 100 comandanti, 90 piloti, 380 assistenti di volo e 1.230 personale di terra