Domenica 05 Giugno 2016 - 09:15

Eni, Descalzi: In Libia per portare sviluppo e stabilità

Ieri ha incontrato il premier del governo di riconciliazione Al Sarraj

Eni, Descalzi: In Libia per portare sviluppo e stabilità

La priorità, per la Libia, è "avere la stabilità". Lo ha detto, intervistato dalla Stampa, il numero uno di Eni, Claudio Descalzi, di ritorno da Tripoli dove ieri ha incontrato il premier del governo di riconciliazione Al Sarraj. E' la prima visita di Eni in Libia dalla rottura fra le componenti del Paese nell'estate del 2014. "Abbiamo parlato di lavoro, di energia, delle cose da fare - ha spiegato -. La stabilità si porta portando lavoro. Vogliamo avere sicurezza? Anzitutto lavoriamo sullo sviluppo di quelle popolazioni".
 

"Il 60% della nostra produzione giornaliera - ha proseguito Descalzi -, che ammonta a 35 milioni di metri cubi di gas va ad alimentare il mercato locale, a far funzionare le centrali elettriche del Paese. Il gas va bene, la produzione di petrolio invece fatica. Prima della crisi il Paese produceva circa 1,5 milioni di barili, ora a stento 350 mila". Sull'assenza di competitor ha detto: "Spero tornino tutti i grandi concorrenti, da Total a Bp a Exxon. In Libia vogliamo competere, significherebbe più sviluppo e più investimenti, è auspicabile non essere so

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Fca, Leasys cresce in Europa

Fca, Leasys cresce in Europa

Parte dalla Spagna l'espansione europea della società di mobilità e noleggio di FCA Bank. Una scelta strategica per FCA Bank che mira a integrare la propria offerta in tutti i Paesi nei quali opera

Draghi: La ripresa dell'eurozona è più solida ma il trend dell'inflazione è debole

Draghi: Ripresa eurozona più solida, trend inflazione debole

Il presidente della Bce: Le decisioni sulla politica monetaria non sono basate sui possibili risultati elettorali

Fca, ricavi nel primo trimestre su del 4% a 27,7 miliardi

Fca, ricavi nel primo trimestre su del 4% a 27,7 miliardi

Consegne globali complessive a 1.145.000 veicoli, sostanzialmente in linea con i primi tre mesi del 2016

Alitalia, Gentiloni: No alla nazionalizzazione. Calenda: Prestito ponte di 3-400 milioni

Alitalia, Gentiloni preoccupato ma dice no a nazionalizzazione

Dopo il via al commissariamento, il ministro dello Sviluppo Economico: Il nuovo commissario deve assicurare la continuità dell'azienda"