Venerdì 02 Settembre 2016 - 08:15

Eni, Descalzi: Riconferma? Io sereno, valuterà chi deve

"L'Eni è stata ed è la mia vita e uno spera sempre di restare a casa sua"

Eni, Descalzi: Riconferma? Io sereno, valuterà chi deve

"L'Eni è stata ed è la mia vita e uno spera sempre di restare a casa sua" poi "chi dovrà decidere, farà le sue valutazioni, ma sono assolutamente sereno". Così Claudio Descalzi, amministratore delegato di Eni, intervistato da 'il Sole 24 Ore', in merito alla sua eventuale riconferma in primavera.

Sul fronte petrolio, secondo Descalzi si dice "convinto che l'Opec, o comunque Arabia Saudita e Iran, addiverranno a più miti consigli" perché "è impensabile mettersi a fare delle guerre sul prezzo senza pensare al futuro". Sulla Libia il messaggio è chiaro: "Mai e poi mai lasceremmo e non sosteremmo paesi che hanno fatto crescere l'Eni e l'Italia e ci hanno aiutato moltissimo". Su Versalis chiarisce che "la mia decisione è quella di concentrarmi per fare una Versalis più forte e la società sta rispondendo molto bene". Sulla Val D'Agri infine "vogliamo andare fino in fondo a questo processo per verificare insieme alla magistratura, sperando di dimostrare che abbiamo agito al meglio".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Fca, Leasys cresce in Europa

Fca, Leasys cresce in Europa

Parte dalla Spagna l'espansione europea della società di mobilità e noleggio di FCA Bank. Una scelta strategica per FCA Bank che mira a integrare la propria offerta in tutti i Paesi nei quali opera

Draghi: La ripresa dell'eurozona è più solida ma il trend dell'inflazione è debole

Draghi: Ripresa eurozona più solida, trend inflazione debole

Il presidente della Bce: Le decisioni sulla politica monetaria non sono basate sui possibili risultati elettorali

Fca, ricavi nel primo trimestre su del 4% a 27,7 miliardi

Fca, ricavi nel primo trimestre su del 4% a 27,7 miliardi

Consegne globali complessive a 1.145.000 veicoli, sostanzialmente in linea con i primi tre mesi del 2016

Alitalia, Gentiloni: No alla nazionalizzazione. Calenda: Prestito ponte di 3-400 milioni

Alitalia, Gentiloni preoccupato ma dice no a nazionalizzazione

Dopo il via al commissariamento, il ministro dello Sviluppo Economico: Il nuovo commissario deve assicurare la continuità dell'azienda"