Giovedì 02 Novembre 2017 - 23:00

Europa League, all'Olimpico cade anche il Nizza: Lazio vola ai sedicesimi

Nona vittoria consecutiva per la Lazio

Lazio - Nizza

Qualificazione matematica ai sedicesimi da prima del girone e nona vittoria consecutiva. Questa Lazio che sa solo vincere conferma il suo periodo d'oro e batte anche il Nizza al fotofinish nella quarta giornata di Europa League. All'Olimpico, dopo una gara non certo indimenticabile, decide al 47' della ripresa l'autogol di Le Marchand, che devia nella propria porta il colpo di testa di Parolo. Ora i biancocelesti possono puntare con la mente libera l'Udinese domenica e soprattutto il derby dopo la sosta.

Nelle formazioni iniziali consueto 3-5-2 per Inzaghi con diversi cambi rispetto a domenica: in difesa ecco Patric, de Vrij e Luiz Felipe, mentre in mediana Marusic e Lukaku sono gli esterni e Lucas è affiancato dalle mezzali Murgia-Luis Alberto. In avanti spazio al vice Immobile Caicedo e all'ex United Nani. Nei francesi 4-5-1 con Balotelli in panchina e Snejder in mezzo a supportare l'unica punta Plea.
 

Giropalla insistito e lento per gli ospiti nei primi minuti: Lazio ordinata dietro con gli esterni molto attivi. Marusic crossa impreciso da destra, mentre all'11' arriva il primo tiro dei francesi: Lees-Melou calcia a giro di destro con palla alta. L'Olimpico carica gli uomini di Inzaghi e applaude con convinzione Murgia e Lukaku, autore di due pregevoli dribbling in disimpegno. Primi venti minuti di grande equilibrio, i biancocelesti coprono tutti gli spazi e sembrano pronti a colpire in ripartenza. Nani mostra tutta la sua tecnica ma è troppo lontano dalla porta, Lukaku semina il panico in solitaria e al 31' Marusic sfiora il vantaggio con un destro deviato che esce di pochissimo. Il ritmo sale e solo un'ottima 'estirada' del baby Luiz Felipe mura la saetta scoccata da Walter. Prima dell'intervallo si fa vedere Souquet, che arma un destro alto e argina il tirocross dello scatenato Lukaku. Primo tempo negativo per Caicedo e per Alberto, apparso stanco e fuori fase in versione arretrata.

La ripresa inizia senza cambi nei due schieramenti e con Favre che punta ancora sul possesso pallo per scardinare la retroguardia di casa. Mezza occasione a tinte biancocelesti al 3', ma Caicedo non arriva sull'invito intelligente di Lucas. Le Marchand blocca Nani, Koziello mura Alberto: è quasi un duello one to one all'Olimpico in questa fase di gioco. Al 14' Walter spaventa Strakosha con una bomba mancina da fuori e Inzaghi cambia: dentro Milikovic e Lulic, fuori Nani e Murgia. Il serbo si piazza in mediana, lo spagnolo avanza a supporto di Caicedo e subito calcia da fuori murato. Snejider prova la specialità della casa ( il tiro dalla lunga distanza), ma la Lazio sembra aver cambiato ritmo e chiede anche un penalty per un tocco di braccio dubbio di Jallet. Lukaku spinge e crossa ma Caicedo non è Immobile e si vede. Al 32' occasione d'oro per gli ospiti con Plea anticipato davanti a Strakosha da un rapido de Vrij. A nove dal termine dentro anche Mario Balotelli, molto fischiato dall'Olimpico e subito autore di un tiro altissimo dai 35 metri. Nel finale le difese reggono bene (ottimo Luiz Felipe sull'ex punta di Milan e Inter), ma al secondo minuto di recupero Le Marchand beffa Benitez. Lazio a 12 punti e felice, anche se Immobile sembra davvero insostituibile non solo per i gol. 

Scritto da 
  • Alessandro Banfo
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche