Giovedì 08 Marzo 2018 - 21:30

Europa League, Arsenal passa a San Siro: Mkhitaryan-Ramsey stendono Milan

I Gunners vanno in gol al 15' del primo tempo con Mkhitaryan e trovano il raddoppio proprio nel recupero con Ramsey

L'Arsenal fa tornare il Milan sulla terra. Nella notte che riconsegnava ai rossoneri una sfida di grande prestigio a livello europeo i rossoneri crollano 2-0 a San Siro nell'andata degli ottavi di finale di Europa League sotto i colpi dei Gunners, che vanno in gol al 15' del primo tempo con Mkhitaryan (decisiva la deviazione di Bonucci) e trovano il raddoppio proprio nel recupero con Ramsey, che si infila tra le pieghe della retroguardia rossonera e trafigge Donnarumma.

E' proprio la rete del raddoppio incassata subito prima dell'intervallo che taglia le gambe i ragazzi di Gattuso, la cui timida reazione nella ripresa non sortisce particolari effetti e complica terribilmente il discorso qualificazione in vista del ritorno tra una settimana all'Emirates Stadium. Gattuso conferma in blocco la formazione che tante soddisfazioni gli ha dato nelle ultime uscite. Davanti a Donnarumma agiscono così Bonucci e Romagnoli al centro, con Calabria e Rodriguez sugli esterni. Nel centrocampo a tre spazio a Kessiè, Biglia e Bonaventura, mentre in attacco Cutrone è affiancato da Suso e Calhanoglu.

Wenger, che deve far fronte a diverse assenze pesanti soprattutto in attacco (su tutte quelle di Aubameyang e Lacazette) risponde con un 4-2-3-1 con Welbeck unico terminale offensivo. Dietro a lui giostrano Mkhitaryan, Ozil e Wilshere. L'avvio dei padroni di casa è di quelli arrembanti. Su un cross insidioso dalla destra Xhaka è provvidenziale nella deviazione in corner. L'Arsenal però mostra già da subito di saper far male tra le linee in contropiede e replica all'8' sfiorando il vantaggio con Mkhitaryan dopo una percussione centrale devastante di Wilshere. La gara si gioca su ritmi elevatissimi e al 10' i rossoneri si rendono ancora pericolosi con un tiro sull'esterno della rete di Cutrone, imbeccato da Calhanoglu bravo ad approfittare di un'incertezza di Mustafi.

Le due squadre si affrontano senza timori reverenziali ma a farne le spese al quarto d'ora è il Milan. Biglia perde un pallone sanguinoso nella propria metà campo, Ozil inventa di prima per Mkhitaryan, che si accentra, lascia sul posto Calabria e fa partire un tiro che beffa Donnarumma anche grazie alla deviazione di Bonucci. Il gol preso a freddo anestetizza l'entusiasmo del Milan, che fatica a ritrovare il bandolo della matassa. Bonaventura prova a svegliare i suoi poco dopo la mezz'ora con un tiro cross al veleno che finisce non lontano dal palo, ma per ritrovare un po' di pepe bisogna attendere la coda del primo tempo.

Al 41' Chambers costringe Donnarumma alla respinta con i pugni, un minuto dopo su una splendida azione di contropiede Welbeck si divora il raddoppio consegnando la sfera al portiere del Milan. Sul fronte opposto sugli sviluppi di un corner Ospina buca l'intervento ma Bonucci di testa non riesce a inquadrare lo specchio della porta. Il finale è però tutto di marca Gunners. Welbeck in campo aperto è imprendibile per chiunque, il servizio per Mkhitaryan è perfetto così come la conclusione dell'armeno, ma i rossoneri si salvano grazie all'aiuto della traversa. Quattro minuti dopo però gli oltre 70mila di San Siro gelano: suggerimento di Ozil tra le linee per Ramsey, che si presenta davanti a Donnarumma, lo salta, e insacca a porta sguarnita un pesantissimo 2-0 con cui le squadre rientrano negli spogliatoi.

La ripresa si apre ancora con un sussulto dei londinesi, che sfiorano in avvio la palla che con ogni probabilità avrebbe deciso le sorti della qualificazione. Al 4' Welbeck si scontra con Donnarumma, in leggero ritardo, in uscita: la sfera esce di un soffio e il Milan si salva. Il coraggio e la grinta però non mancano di certo all'undici di Gattuso, che con il passare dei minuti inizia a presidiare insistentemente l'area di rigore degli ospiti. Al 7' Calabria affonda sulla destra, il suo cross viene raccolto da Bonaventura che da centro area calcia a lato. Il tecnico calabrese prova a giocarsi il tutto per tutto puntando sul doppio centravanti con l'inserimento prima di Kalinic, al posto di un evanescente Calhanoglu, e poi di Andrè Silva, al posto di un generoso Cutrone. I due attaccanti però non riescono a trovare il guizzo giusto anche perché l'Arsenal rispetto al primo tempo attende i rossoneri nella propria metà campo e concede poco o nulla ai padroni di casa.

Al 22' la conclusione dalla distanza di Rodriguez non spaventa, dieci minuti dopo Bonaventura viene nuovamente murato dalla retroguardia avversaria. L'ultima emozione la regala però proprio la coppia entrata nella ripresa: Andrè Silva verticalizza per Kalinic, il croato viene anticipato di un soffio dall'attentissimo Ospina. Il Milan esce sconfitto, seppur con l'onore delle armi. La curva di San Siro riconosce i giusti omaggi alla banda di Gattuso a fine gara, ma tra sette giorni a Londra servirà una vera e propria impresa per ribaltare il risultato e volare ai quarti. 

Il tabellino di Milan-Arsenal 0-2, gara d'andata degli ottavi di finale di Europa League.

MILAN-ARSENAL 0-2

Reti: pt 15' Mkhitaryan e 49' Ramsey.

Milan: G. Donnarumma; Calabria (33' st Borini), Bonucci, Romagnoli, Rodríguez; Kessiè, Biglia, Bonaventura; Suso, Cutrone (23' st Andrè Silva), Calhanoglu (17' st Kalinic). A disp. A. Donnarumma, Zapata, Locatelli, Montolivo. All. Gattuso.

Arsenal: Ospina; Chambers (40' st Elneny), Koscielny, Mustafi, Kolasinac (17' st Maitland-Niles); Ramsey, Xhaka; Wilshere, Ozil (34' st Holding), Mkhitaryan; Welbeck. A disp. Cech, Iwobi, Nelson, Nketiah. All. Wenger.

Arbitro: Turpin (Fra).

Note: ammoniti Kolasinac, Ramsey (A)

 

 

Scritto da 
  • Alberto Zanello
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Real Madrid v Liverpool - UEFA Champions League - La Finale

Calcio, Ronaldo verso l'addio: "E' stato bello giocare nel Real"

Ma nessuno è in grado di dire dove potrebbe andare. Il presidente Perez: "Si parla sempre di lui, poi non succede nulla"

FBL-EUR-C1-LIVERPOOL-REAL MADRID

Champions League, Real Madrid ancora campione: Bale travolge il Liverpool

I Blancos conquistano la terza Coppa consecutiva: gol di Benzema e doppietta di Bale. salah esce in lacrime per un infortunio provocato da Ramos. I Reds ci provano con Manè ma le papere del portiere Karius incoronano la squadra di Zidane

Finale Champions, Real Madrid v Liverpool

Real Madrid vince la Champions. Liverpool in lacrime perde 3-1

Salah esce per infortunio. Gol di Benzema e doppietta di Bale. Mane pareggia per i Reds ma è tutto inutile

Liverpool v Real Madrid 2018 Champions League Final Package

Salah carico: "La finale di Champions è un sogno, voglio vincere"

L'egiziano si prepara alla sfida con il Real: "Dovremo solo concentrarci e non pensare a nulla del passato"