Giovedì 12 Aprile 2018 - 19:15

Europa League, Lazio che disastro. Il Salisburgo rimonta: 4-1

Biancocelesti in vantaggio al 10' della ripresa con Immobile. Ma poi crollano e il Salisburgo segna quattro volte in venti minuti. Eliminazione cocente

Salisburgo vs Lazio - UEFA Europa League 2017/2018

Come buttare una qualificazione che sembrava al sicuro con venti minuti di assoluto blackout. E' quello che è successo alla Lazio che, in vantaggio per 1-0 con un gol di Immobile e forte del 4-2 dell'andata, crolla letteralmente in casa del Salisburgo. La compagine austriaca in meno di mezzora segna quattro gol, vince 4-1 e si qualifica a sorpresa per le semifinali dell'Europa League. Non basta il gol numero 8 di Immobile, agganciato Aduriz in vetta alla classifica marcatori del torneo, alla formazione allenata da Simone Inzaghi. Inspiegabile quello che è successo alla Red Bull Arena, con la Lazio che aveva partita e qualificazione in mano e che invece dopo il primo gol del Salisburgo di Dabbur e una occasione clamorosa fallita da Luis Alberto si è letteralmente sciolta come neve al sole. Una serie di svarioni difensivi hanno consentito ad Haidara, Hwang e Lainer di completare una rimonta storica per gli austriaci. Ancora una volta l'Europa League si conferma una competizione stregata per le squadre italiane, che da quando c'è stato il cambio di nome dalla vecchia Coppa Uefa non sono mai riuscite a vincerla.

Dopo il 4-2 dell'andata Inzaghi non cambia di una virgola la squadra che ha trionfato all'Olimpico con Luiz Felipe, de Vrij e Radu in difesa davanti a Strakosha; Basta, Parolo, Leiva, Milinkovic e Lulic in mediana; Luis Alberto e Immobile in avanti. Nel Salisburgo, Rose è costretto a fare a meno del regista basso Samassekou squalificato. Primo tempo piacevole anche se senza reti. Il Salisburgo prova subito ad alzare i ritmi e dopo cinque minuti si rende pericolosa con un inserimento del coreano Hwang fermato da Strakosha in uscita. Per evitare rischi, la squadra di Inzaghi prova a far valere il suo maggior tasso tecnico e la fisicità di Milinkovic Savic a metà campo. I biancocelesti prendono in mano le redini del gioco grazie alla sapiente regia di Lucas Leiva, che non disdegna anche la conclusione dalla distanza. Gli austriaci con carattere ribattono colpo su colpo, ma non riescono a sfondare dalle parti di Stakosha. La Lazio controlla e cerca di rendersi pericolosa con improvvise verticalizzazioni per Immobile non sempre precise. Ma è clamorosa l'occasione fallita dal bomber biancoceleste al 42', quando calcia addosso al portiere dopo essere stato liberato davanti alla porta da un delizioso colpo di tacco di Luis Alberto.

Stessa musica nel secondo tempo, con il Salisburgo proteso in avanti e la Lazio attenta a chiudere tutti gli spazi per poi colpire in contropiede. E' ancora Immobile ad avere la palla buona in avvio, quando tutto solo davanti a Walke prova a scavalcarlo con un pallonetto corto che viene respinto dal portiere. Il numero 17 biancoceleste alla terza occasione, però, non sbaglia e al 55' supera il portiere con un bel destro all'incrocio dopo perfetta imbeccata di Luis Alberto sul filo del fuorigioco. Immediata la replica del Salisburgo, che un minuto dopo pareggia con un sinistro di Dabbur deviato da de Vrij alle spalle di Strakosha.

La partita improvvisamente si accende, anche perchè si aprono spazi sempre più ampi nei due schieramenti. Il Salisburgo, trascinato dal pubblico, prova a spingere con maggior determinazione sfiorando il raddoppio prima con un bolide dalla distanza di Schlager respinto a fatica da Strakosha con la complicità del palo, poi con un colpo di testa di Hwang di poco a lato. A venti dalla fine clamorosa occasione fallita in contropiede dalla Lazio con Luis Alberto, che calcia in bocca al portiere. La legge del calcio è spietata e sul ribaltamento di fronte il Salisburgo passa in vantaggio con un tiro dalla distanza di Haidara. La squadra di Inzaghi accusa il colpo e dopo un minuto viene punita per la terza volta da Hwang, abile ad approfittare una mezza dormita della retroguardia biancoceleste. Il crollo definitivo dopo altri due minuti, con la rete di Lainer di testa su calcio d'angolo. E' il colpo del ko. Inutile l'inserimento nel finale di Nani da parte di Inzaghi, la Lazio non riesce mai a rendersi veramente pericolosa e alla fine deve mestamente alzare bandiera bianca.

Parolo - "C'è amarezza, non siamo ancora una squadra che può ambire a certi traguardi in Europa perchè una partita così non la puoi perdere". Così Marco Parolo, centrocampista della Lazio, commenta ai microfoni di Sky la clamorosa disfatta dei biancocelesti a Salisburgo. "Abbiamo peccato di sufficienza, perchè sull'1-0 forse pensavamo di aver già vinto", ha aggiunto. "Ora dobbiamo resettare tutto perchè domenica abbiamo una partita molto importante come il Derby", ha conclu

Inzaghi - "La semifinale era a un passo - spiega Simone Inzaghi ai microfoni di Sky - Loro hanno segnato quattro volte con quattro tiri e due erano autoreti. Noi abbiamo tirato di più ma non entrava mai. Sono serate che accadono. In Europa nessuno regala niente. Loro bravi a non mollare e a rimettere in gara il loro pubblico. Onore a loro. Adesso, è chiaro che c'è delusione, ma dobbiamo essere fieri di questa cavalcata europea che, purtroppo, finisce così. Onore per me averla condivisa con i giocatori e il nostro pubblico. Ora arriva il derby. Dobbiamo ritrovare subito la concentrazione".

SALISBURGO-LAZIO: 4-1

RETI: 55' Immobile (L), 56' Dabbur (S), 72' Haidara (S), 73' Hwang (S), 76' Lainer (S).

SALISBURGO (4-3-1-2): Walke; Lainer, Ramalho, Caleta-Car, Ulmer; Haidara, Schlager, Berisha; Yabo (84' Minamino); Hwang (79' Gulbrandsen), Dabbur. A disp. Stankovic, Wolf, Pongracic, Farkas, Mwepu. All. Marco Rose.

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Luiz Felipe, de Vrij, Radu; Basta (60' Lukaku), Parolo, Leiva (78' Nani), Milinkovic (69' Felipe Anderson), Lulic; Luis Alberto, Immobile. A disp. Guerrieri, Caceres, Murgia, Caicedo. All. Simone Inzaghi.

ARBITRO: Skomina (Slo).

NOTE: ammoniti Ulmer (S), Leiva (L), Luiz Felipe (L), Milinkovic (L), Ramalho (S), Walke (S).

DIRETTA:

4' di recupero e di speranza per la Lazio

75' Ancora un gol del Salisburgo: 4-1. Segna Lainer su angolo da sinistra. Ora la Lazio deve segnare un gol per andare ai supplementari: in 10 minuti c'è stato un crollo fisico e mentale

73' Un altro gol del Salisburgo: 3-1. A segnare è stato Hwang su passaggio di Haidara, forse era in fuorigioco. Adesso il Salisburgo sarebbe qualificato. La Lazio non riesce a reagire

72' Gol di Haidara del Salisburgo

71' Bel contropiede della Lazio. Felipe Anderson si fa tutto il campo e serve Luis Alberto che passa però al portiere

69' OIccasione per il salisburgo: cross da destra, colpo di testa di Hwang che finisce fuori

67' Parolo per Luis Alberto. Fermato all'ultimo

66' Palo clamoroso del Salisburgo. Gran tiro fuori da Schlager che si infrange sulla base del palo

63' e 64' Due gialli consecutivi in casa Lazio: Lukaku (non c'era) e Luis Felipe (giusto)

60' Entra Lukaku al posto di basta57' Ancora Immobile, come per il primo gol. Entra in area e segna ma l'arbitro annulla per fuorigioco, forse non c'era

55' Pareggia il Salisburgo. Dabur arriva al limite. De Vrij non interviene bene. Il tiro viene deviato da Luis Felipe nella sua porta: Strakisha non può farci niente

54' Gol di Ciro Immobile (Lazio). Lancio perfetto di Luis Alberto. Immobile parte con i tempi giusti: entra in aerea e supera il portiere

49' Lancio di Luis Alberto, profondo per Immobile che aspetta troppo. Poi tenta il pallonetto smanacciato dal portiere

45' Risponde il Salisburgo con Valon Berisha che salta gli avversari e, dall'altezza del dischetto, tenta il tiro mancando di pochissimo la porta

44' Ciro Immobile (Lazio) spreca un'occasione preziosa. Il tiro viene fermato dal portiere Walke

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

FBL-EUR-C1-BAYERN MUNICH-REAL MADRID

Champions, il Bayern gioca, vince il Real. Marcelo e Asensio sbancano Monaco: 1-2

I tedeschi attaccano e sbagliano molto. Gli uomini di Zidane trionfano col cinismo e i gol dei difensori. Ipoteca sulla finale

Champions League, allenamento del Real Madrid prima della semifinale con il Bayern Monaco

Champions, Bayern medita rivincita sul Real. Zizou: "Daremo 150%"

Le due squadre si affrontano di nuovo dopo il confronto di un anno fa che vide i bavaresi uscire di scena ai quarti tra mille polemiche

Champions, arrestati due tifosi della Roma a Liverpool: grave il supporter dei Reds aggredito

Colpito con una cintura. "Avvertita la famiglia". La società giallorossa condanna gli incidenti. La Uefa minaccia punizioni

Liverpool vs AS Roma - Semifinale di andata Champions League 2017/2018

Le pagelle di Liverpool- Roma. Salah un faraone in paradiso

L'egiziano merita un 9, Firmino prende 8. Nella Roma sis alvano Dzeko e Schick