Mercoledì 08 Agosto 2018 - 14:00

Europei di atletica, finale per Desalu, Pedroso e Trost

Male le tripliste. Bene la Chigbolu nei 400 e Bussotti nei 1500

Nella terza serata di gare ai Campionati Europei di Berlino, tre atleti italiani conquistano la finale. Sui 200 metri riesce a centrare l'obiettivo Fausto Desalu con un convincente 20.35 (+0.3), quinto tempo complessivo a soli quattro centesimi dal personal best: per il 24enne sprinter è la prima volta tra i migliori otto del continente, dopo essere uscito in semifinale nelle due precedenti edizioni. Al femminile supera il turno con sicurezza nei 400 ostacoli la primatista nazionale Yadis Pedroso in 55.13, terzo crono delle pretendenti. Si qualifica anche Alessia Trost, bronzo mondiale indoor del salto in alto, con 1,90 al terzo tentativo mentre esce di scena Elena Vallortigara che non va oltre 1,86 e sbaglia tre volte a 1,90, misura che in questa stagione aveva superato ad ogni uscita, fino al picco del 2,02 di Londra il 22 luglio.

Protagonista nel decathlon Simone Cairoli, decimo con il record personale (7949 punti) e quarto azzurro di sempre. Nella finale del lungo Kevin Ojiaku atterra a 7,78 (+0.4) e si piazza undicesimo. Eliminata sui 400 ostacoli con 55.69 la campionessa europea under 23 Ayomide Folorunso, prima delle escluse come Matteo Galvan che in 45.17 sui 400 metri arriva ad appena tre centesimi dalla finale e a cinque dal suo record italiano assoluto. Fuori anche Davide Re con 45.53. Non superano la semifinale dei 200 metri Andrew Howe (20.78/+0.3) e Davide Manenti (20.81/+0.3), out nell'alto Desirée Rossit con 1,81.

400 metri uomini - Niente finale dei 400 metri per Matteo Galvan e Davide Re. Galvan è arrivato quarto nella sua batteria con il tempo di 45.17, Re ha chiuso anche lui con il quarto posto in batteria in 45.53.

Salto in alto - Alessia Trost è l'unica italiana a qualificarsi per la finale del salto in alto femminile. L'atleta azzurra ha saltato 1.90 al terzo tentativo. Grande delusione invece, per Elena Vallortigara prima delle eliminate con 1.86 e tre tentativi falliti a 1.90. "E' stata la peggior gara della mia stagione e sono estremamente delusa. Qualcosa non è andato nella rincorsa. Ero un po' stanca, non sono riuscita a collegare bene mente e corpo. Nei giorni scorsi non sono stata bene, solo ieri mi sentivo meglio. Non penso sia pesato il fatto di essere al centro dell'attenzione", ha commentato l'azzurra ai microfoni della Rai. Niente da fare anche per la terza italiana in gara, Desirée Rossit, eliminata con la misura di 1.81. 

100 ostacoli donne - Un'azzurra si qualifica per le semifinali dei 100 ostacoli. A superare il primo turno è Luminosa Bogliolo, rivelazione stagionale su questa distanza. La 23enne del Cus Genova chiude quarta in 13.21 (vento nullo) e manca il pass diretto per un solo millesimo, preceduta con lo stesso crono dalla finlandese Reetta Hurske nella batteria vinta nettamente dalla tedesca Ricarda Lobe (13.03) davanti alla spagnola Caridad Jerez (13.19). Ma la giovane ligure riesce comunque a realizzare un tempo utile per il recupero e tornerà in gara domani sera, giovedì 9 agosto, alle ore 19.25. Niente da fare invece per Elisa Di Lazzaro, out con il quinto posto nella sua batteria in 13.42 (-0.1).

Decathlon - Nella seconda giornata del decathlon Simone Cairoli continua a lottare. E per qualche minuto, completata la sesta prova, si spinge anche ad un fantastico quarto posto a 16 punti dal podio in forza del 14.66 (+0.1) che eguaglia lo stagionale nei 110hs. È però il disco che fa perdere terreno al 28enne lombardo dell'Atl. Lecco Colombo Costruzioni, allenato da Andrea Calandrina, scivolato in tredicesima posizione dopo il 35,30 in una delle specialità meno amiche.

1500 metri uomini -

L'Italia lascia per strada uno dei suoi interpreti nei 1500 maschili e la circostanza ha i tratti della beffa perché Mohad Abdikadar avrebbe meritato la qualificazione, alla luce del carattere mostrato in batteria. Pochi millesimi mandano a casa l'azzurro di origine somala, primo degli esclusi. In compenso, è missione compiuta per Joao Bussotti, autore di un rettilineo conclusivo arrembante che gli permette di timbrare il biglietto per la finale con 3:40.87, quinto tempo complessivo.

400 metri donne - L'azzurra Maria Benedicta Chigbolu vince e convince nella batteria dei 400 metri. Dopo un cartellino giallo per un movimento in partenza, la 29enne dell'Esercito torna sui blocchi senza farsi condizionare dall'episodio, spingendo subito nella prima parte di gara. Poi si distende nel rettilineo finale e lascia un'ottima impressione, per mettere a segno un notevole crono: 51.76 che significa il secondo risultato in carriera, a soli nove centesimi dal personal best datato 2015. In semifinale troverà l'altra azzurra, la campionessa europea uscente Libania Grenot qualificata come testa di serie.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Open Golf Championship a Carnoustie - Quarto Giorno

Golf, Molinari sesto nello Us Championship. Trionfa Koepka

Grande prestazione dell'azzurro a St Louis. Ora è sesto al mondo. Il ritorno di Tiger Woods che chiude secondo

Atletica, staffetta 4x100 donne: Italia settima. Azzurri squalificati

Pasticcio degli uomini al secondo cambio nella semifinale

Atletica, Berlino: la maratone nella giornata di chiusura dei giochi europei

Europei atletica, Rachik bronzo nella maratona. Oro e argento nelle classifiche a squadre

L'azzurro finisce in 2:12:09, suo record personale. I maratoneti primi nella competizione maschile e secondi in quella femminile