Lunedì 23 Luglio 2018 - 20:45

F1, Hamilton vola: Ferrari-Vettel per il pronto riscatto in Ungheria

Diciassette punti separano ora Hamilton da Vettel, con la Ferrari che ha subito anche il sorpasso nella classifica costruttori in virtù della doppietta di Mercedes in Germania e dello zero del pilota tedesco

TOPSHOT-AUTO-F1-PRIX-GER

Colpi di scena finora se ne sono visti tanti. E molti altri verosimilmente capiteranno da qui all'epilogo ad Abu Dhabi. Allo scollinamento di metà campionato - domenica è in programma il Gp d'Ungheria, dodicesimo appuntamento dei ventuno in calendario - Lewis Hamilton si riprende la vetta della classifica mondiale, scambiandosi la poltrona di leader per l'ennesima volta in stagione con Sebastian Vettel. Un vero e proprio ribaltone quello andato in scena nel pazzo weekend di Hockenheim: appiedato sabato dalla sua W09, il campione del mondo in carica - scattato dalla 14/a posizione in griglia - si è confermato Mago della Pioggia andando a conquistare in Germania la quarta vittoria stagionale.

Un successo pesantissimo proprio in virtù del grave errore commesso dal ferrarista, finito contro le barriere al 53° giro a causa della pista umida e costretto al ritiro in una gara fin lì condotta senza troppi problemi. Invece ancora una volta Seb non è riuscito a sfatare il tabù Hockenheim, davanti ai propri tifosi, confermando lo scarso feeling sul circuito di casa, dove non ha mai vinto in carriera. Dal possibile allungo in classifica in una gara che si preannunciava favorevole al Cavallino Rampante si è passati invece a un brusco stop. Diciassette punti separano ora Hamilton da Vettel, con la Ferrari che ha subito anche il sorpasso nella classifica costruttori in virtù della doppietta di Mercedes in Germania e dello zero del pilota tedesco.

La gara dell'Hungaroring, l'ultima prima della sosta estiva, rappresenta ora un vero e proprio spartiacque. L'ex pilota della Red Bull è chiamato a un pronto e immediato riscatto per non rischiare di veder fuggire il diretto rivale per il titolo, mai così concreto e costante nell'approfittare degli errori altrui e delle situazioni avverse. Anche perché Ferrari in questa prima metà di stagione si è spesso e volentieri rivelata la macchina da battere, senza però capitalizzare davvero appieno il proprio potenziale rispetto a una Mercedes sorniona nonostante qualche problema di affidabilità di troppo. Il passaggio a vuoto di Vettel a Hockenheim arriva dopo quelli di Baku (tentativo di sorpasso su Bottas mentre era secondo alla ripartenza dopo la safety car con conseguente errore di valutazione e quarto posto conclusivo) e soprattutto Le Castellet, con il tamponamento al via su Bottas che ha spianato la strada al trionfo di Hamilton. Punti persi pesanti in una lotta al titolo all'insegna dell'equilibrio. Ora il tempo degli errori è finito, o quasi. E Vette deve lanciare un forte segnale per evitare che Hamilton scappi. A cominciare dall'Ungheria.
 

Scritto da 
  • Alberto Zanello
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Moto GP, prove libere Gran Premio d'Austria

MotoGp, Austria: Ducati vola sull'asciutto, Marquez ok sul bagnato

Saranno Marc Marquez e le Ducati a contendersi con ogni probabilità la vittoria in Austria

AUTO-FRA-24H-ENDURANCE

Motori, Alonso vince la 24 ore di Le Mans per la prima volta

Nuova conquista per il due volte campione del Mondo di F1

Abarth 124 rally protagonista in Romania ed in Italia

I rally di Aradului e dell'Isola d'Elba confermano la superiorià dello Scorpione