Mercoledì 19 Aprile 2017 - 16:15

F1, nei test in Bahrain Bottas è ancora il più veloce

In mattinata problemi per il ferrarista Vettel

F1, nei test in Bahrain Bottas è ancora il più veloce

Valtteri Bottas è stato il pilota più veloce in pista al termine della sessione mattutina nella seconda giornata di testa di Formula 1 in svolgimento sul circuito di Sakhir, in Bahrain. Il pilota della Mercedes ha collezionato più giri di chiunque altro (79) fermando il crono sull'1'31.771, precedendo la Force India di Esteban Ocon (+0.371) e la Toro Rosso di Daniil Kvyat (+0.442). Solo quarta la Ferrari di Sebastian Vettel, che ha passato gran parte della giornata ai box a causa di problemi ad alcune componente interni della sua monoposto. Il tedesco ha effettuato appena nove giri.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Max Biaggi esce dall'ospedale S. Camillo dopo l'incidente

Biaggi racconta l'incubo: Con moto ho chiuso, ora figlio con Bianca

Il campione ripercorre i drammatici momenti passati tra la vita e la morte, dopo il terribile incidente di cui è rimasto vittima mentre provava sul circuito di Latina

ENG, FIA, Formel 1, Grand Prix von Grossbritannien

Hamilton punta al sorpasso. Ferrari: serve una risposta

Da +20, a +1: la dimostrazione in numeri dei progressi portati avanti dal team anglotedesco, e delle difficoltà di una Ferrari che resta competitiva ma non può permettersi altri passi falsi

Ferrari, Arrivabene: Niente scuse, bisogna ripartire e migliorare rapidamente

Ferrari, Arrivabene: Niente scuse, bisogna ripartire e migliorare rapidamente

Il team principal dopo il Gp di Silverstone: "Oggi abbiamo perso molti punti sia nella classifica Costruttori che in quella piloti, questa è la realtà"

Raikkonen deluso: Terzo posto meglio di niente, ma solita sfortuna

Raikkonen deluso: Terzo posto meglio di niente, ma solita sfortuna

Il finlandese nel finale ha avuto un problema alle gomme come il compagno di team Vettel, perdendo la possibilità di lottare per il secondo posto