Giovedì 03 Agosto 2017 - 15:15

Facebook: guerra alle fake news. Il controllo ad esperti esterni

La piattaforma social annuncia misure di contrasto contro le notizie false. Saranno provate in Francia, Germania, Olanda e Usa

FILE PHOTO - Facebook logo is seen  at a start-up companies gathering at Paris' Station F in Paris

Facebook rafforza il contrasto alle fake news. La grande piattaforma social ha annunciato infatti che invierà le potenziali notizie false a terze parti per una verifica e che potrà poi mostrare i risultati sotto al post originale.

Facebook è stato largamente accusato di essere il principale divulgatore di notizie false, che secondo molti osservatori hanno tra l'altro influenzato le elezioni presidenziali degli Stati Uniti nel 2016. Anche in Europa l'argomento è stato al centro dell'attenzione, in particolare con notizie diffuse in vista delle elezioni presidenziali in Francia e con la Germania. Proprio la Germania sta pensando a un piano per sanzionare i social media che non rimuovano velocemente i post che incitino all'odio, mentre si avvicinano le elezioni di settembre.

In una nota in tedesco, la compagnia ha annunciato che un test del nuovo servizio sarà lanciato in Usa, Francia, Olanda e Germania.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Collistar insieme al Fai: "Ti amo Italia, ti difenderemo e ti proteggeremo"

Il progetto riguarda la manutenzione delle aree verdi che circondano Villa Balbianello, sul lago di Como

Blue Monday, oggi è il giorno più triste dell'anno. I consigli per superarlo

Ecco qualche trucco per tornare a sorridere anche in questo 'drammatico' lunedì

Supercomputer, verso la frontiera degli exaflop. E' corsa tra Ue e Resto del Mondo

Sono i calcolatori da un miliardo di miliardi di operazioni al secondo, indispensabili per affrontare temi al top di mobilità, medicina, clima ecc. E si cerca di capire come costruire il necessario sostegno economico a livello europeo

iPhone X in vendita a New York

Guai per Apple: Parigi apre un'inchiesta sul rallentamento degli iPhone

L'ipotesi è che il colosso di Cupertino abbia volontariamente programmato un precoce invecchiamento dei dispositivi