Mercoledì 21 Febbraio 2018 - 03:15

Fantastica Sofia Goggia. È oro storico nella discesa libera olimpica

Battute Mowinckel e Vonn. Terzo trionfo (tutte donne) e nona medaglia azzurra: "Io pasticciona, oggi samurai"

Sofia Goggia vince l'oro nella discesa alle Olimpiadi

Grandissima Sofia Goggia! E' la prima donna italiana a vincere l'oro olimpico nella discesa libera. Sedici anni dopo l'oro in superg di Daniela Ceccarelli a Salt Lake City, una ragazza azzurra torna sul gradino più alto di un podio olimpico di sci alpino. E' la nona medaglia italiana a PyeongChang (decimo posto nel medagliere), il terzo oro (tutti al femminile dopo Arianna Fontana e Michela Moioli). Questo per dire che questa mattina, sulla pista del Jeongseon Alpine Centre abbiamo vissuto un pezzo di Storia dello sci italiano e mondiale.

 

 

Sofia, scesa col pettorale numero 5 ha messo in fila tutte le grandi dello sci internazionale. Ha battuto di 47 centesimi la grandissima Lindsey Vonn, la prima ad abbracciarla e a complimentarsi con Sofia e ha corso solo un attimo di terrore quando è scesa col numero 19, la norvegese Ragnhild Mowinckel che le è rimasta attaccata nei tempi lungo tutto il percorso e ha chiuso a soli 9 centesimi. Prima e dopo, nessuna è riuscita a starle a meno di mezzo secondo. la quarta è Tina Weirather a 63 centesimi. Già la quinta, l'americana Alice Mckennis fa segnare un distacco superiore al secondo. Fuori le altre tre azzurre: cadono nella parte alta Nadia Fanchini e Federica Brignone, esce, sempre nel primo tratto, Nicol Delago.

Nel sole di PyeongChang, Sofia ha fatto una discesa semplicemente perfetta: bene nella parte iniziale e superlativa lungo tutto il tratto centrale quando ha letteralmente pennellato su questa neve da prendere con le pinze. Nessuna delle altre le è rimasta vicina in questa lunga parte di gara. Poi, ormai mentalmente libera, ha chiuso con un finale fantastico: 1'39"22 il suo tempo.

Poi, Sofia (25 anni) è andata a sistemarsi nello spazio del primo posto provvisorio a godersi i complimenti delle altre. Lindsey Vonn è andata subito ad abbracciarla ma poi, la splendida ragazzona americana, per una volta, ha abbandonato il sorriso e si è un po' incupita pensando forse all'occasione (probabilmente l'ultima) e alle polemiche che l'aspettano in patria per le critiche rivolte a Donald Trump.

La gioia di Sofia - "Oggi a questa Olimpiade non ho sentito la pressione, ero molto concentrata sulle cose che dovevo fare. Io sono una pasticcciona ma ho cercato di essere una samurai. Mi sono costruita bene questa gara, ho gareggiato concentrata sulle cose da fare". Così Sofia Goggia, al termine della gara. "Non c'è stata una svolta precisa, fa parte di un processo con alti e bassi. Nelle mie stravaganze e nei miei picchi che sono altissimi e bassissimi sono riuscita piano piano a credere in me stessa e a fare le cose più giuste per me - ha aggiunto l'atleta bergamasca - Sono contenta di essere arrivata qua, a inizio stagione se me lo avessero detto ci avrei messo la firma. È stata stagione partita in sordina, in cui non ero me stessa al cancelletto".

La ragazza di Bergamo è ancora incredula: "Non ho ancora realizzato, sono così concentrata per la gare che non trovo neanche le parole. La vittoria la dedico a me stessa, al mio bel paese e alle persone che vogliono bene a Sofia indipendentemente dal fatto che vinca alle Olimpiadi. E infine grazie a chi ha creduto a una bambina che a 6 anni sognava di vincere le Olimpiadi sulle nevi di Foppolo".

Loading the player...
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Valanga in Valmalenco, morti due scialpinisti

Francia, valanga in zona Chamonix: morto noto alpinista, 3 feriti

Emmanuel Cauchy era una figura nota dell'alpinismo francese

Il club Sestriere vince il 37simo Uovo d'oro Audi di sci alpino

Sulle piste della Vialattea ben 1.832 giovani sciatori arrivati da Spagna, Svizzera e Francia e chiaramente da tutta Italia

Vialattea, in 1832 sulle piste per il 37° Uovo d'Oro Audi

Domani la classica manifestazione pasquale organizzata dallo Sporting Club Sestrieres