Giovedì 25 Maggio 2017 - 16:30

Fca e Iveco insieme per il G7 di Taormina

Consegnata la flotta di vetture e veicoli commerciali messa a disposizione per il vertice

Fca e Iveco insieme per il G7 di Taormina

I "grandi del mondo", che s'incontreranno  il 26 e 27 maggio in Sicilia, nella splendida cornice di Taormina, avranno a disposizione una flotta di veicoli fornita ufficialmente da FCA e IVECO:  sono circa novanta i mezzi a disposizione degli organizzatori tra cui le Fiat 500L a metano, gli IVECO Daily Minibus (a metano ed elettici), le Fiat 500e (elettriche), le Alfa Romeo Stelvio, Giulia e Giulietta e i Fiat Ducato.
Tutti i mezzi sono già arrivati a Taormina e sono pronti per trasportare delegazioni, ministri, funzionari e ogni altra personalità che parteciperà al vertice. Molte delle vetture saranno utilizzate anche per i successivi eventi legati al vertice G7 che si svolgeranno fino a ottobre in numerose città italiane: come per esempio Bologna ai primi di giugno per il vertice sull'Ambiente; e Torino, a fine settembre, per quello su Tecnologia e Industria. La partecipazione in qualità di partner da parte di FCA e IVECO al vertice G7 è particolarmente significativa e importante: si tratta di due aziende dalle solide radici italiane, che  da parecchi anni si pongono da protagoniste iunternazionali sullo scenario competitivo globale.  Inoltre, gli elevati livelli d'innovazione che FCA e Iveco continuano a introdurre nei loro prodotti, le rendono i partner ideali per intraprendere nuove strade verso sempre più evolute soluzioni di mobilità intelligente: vetture a basso impatto ambientale, a elevato contenuto tecnologico per la sicurezza, nonché antesignane nell'offrire ai propri clienti soluzioni di mobilità e trasporto che anticipino le loro richieste a un prezzo accessibile per tutti.

Ma la flotta "firmata" FCA e IVECO lancia anche un forte messaggio al mondo: la mobilità nel rispetto dell'ambiente è un tema prioritario per l'industria automobilistica di oggi. E l'automobile deve garantire libertà di movimento sposando al contempo l'esigenza di assicurare il rispetto dell'ambiente, così come i mezzi di trasporto merci, leggeri o pesanti che siano. L'impegno in questo settore di FCA e di CNH Industrial (il cui marchio  Iveco produce e commercializza veicoli industriali) è fondato sulla consapevolezza che non esiste un'unica soluzione per la mobilità sostenibile. Certo, i propulsori convenzionali continueranno a mantenere un ruolo importante nei prossimi anni: migliorarne l'efficienza e ridurne le emissioni sono elementi chiave e condizioni indispensabili per incontrare i futuri ambiziosi obiettivi europei in tema di protezione ambientale. È altrettanto evidente che solo la combinazione di tecnologie convenzionali e alternative offre risultati concreti e immediati.

Il metano è il combustibile più pulito ed economico oggi disponibile sul mercato e l'unica concreta alternativa all'uso di benzina e gasolio. Oggi il metano è una tecnologia matura, disponibile a prezzi accessibili, che può dare risposte immediate per risolvere i problemi d'inquinamento - in particolare nelle aree urbane - e di riduzione delle emissioni di CO2. Sono evidenti le potenzialità del metano per promuovere una mobilità sostenibile sia dal punto di vista ambientale sia da quello economico: questo carburante non solo riduce fortemente le emissioni nocive (particolato, ossidi di azoto e idrocarburi) e di CO2 (23 per cento in meno rispetto al funzionamento a benzina), ma è anche la soluzione che al momento offre il miglior rapporto tra costo della tecnologia e rispetto dell'ambiente. Una vettura o un veicolo commerciale a metano costano poco di più rispetto alla corrispondente versione ad alimentazione tradizionale, con una spesa di esercizio notevolmente inferiore. Infine, lo sviluppo del gas naturale ha anche altri significativi vantaggi di "sistema": per esempio, la filiera del gas naturale, un'eccellenza tutta italiana, che conta circa 20 mila dipendenti tra componentistica, after-market e impianti di rifornimento; oppure, l'opportunità di creare valore per le famiglie italiane, grazie ai risparmi generati dall'uso dei veicoli a gas naturale. 

Per vent'anni il marchio Fiat è stato leader in Europa nelle vendite di vetture CNG e complessivamente FCA ha venduto oltre 730 mila vetture di questo tipo. IVECO ha acquisito un vantaggio tecnologico nelle motorizzazioni a gas naturale e sviluppato un'ampia gamma di veicoli sia CNG sia LNG (Liquified Natural Gas), riconoscendo le potenzialità del metano nei veicoli commerciali e di pubblico servizio, settori nei quali è protagonista a livello internazionale. Insieme, FCA e IVECO intendono sviluppare ulteriormente le loro gamme di veicoli a gas naturale, già tra le più complete al mondo, portando ulteriore innovazione nell'ambito di un'eccellenza tecnologica italiana presa a riferimento da numerosi Paesi stranieri e riconosciuta tale a livello mondiale, con un ruolo attivo nella promozione dell'offerta e di operazioni di marketing mirato.

Scritto da 
  • D.Co.
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

What Van Awards 2018, Doblò e Fiorini campioni a Londra

Per la terza volta consecutiva il Doblò Cargo di Fiat Professional è stato insignito del titolo di "Light Van of the Year", il Fiorino è stato acclamato nella categoria “Small Van”

Fca, arriva il Ducato minibus da 14 o 17 posti

La gamma del best-seller di Fiat Professional si amplia con la nuova versione. Motori turbodiesel MultiJet da 2,3 litri 150 CV e 3.0 litri da 140 CV Natural Power a metano. In listino da 41.750 Euro.

Il Fiat Fullback specificamente attrezzato fornito da Fiat Professional alla Polizia Scientifica

Presentato il nuovo veicolo della Polizia Scientifica: è il 'Fullback' di Fca

Sarà usato per i sopralluoghi più complessi su tutto il territorio nazionale, grazie alla tecnologia di bordo e ai suoi speciali allestimenti

FIA Hall of Fame, l'Alfa Romeo in Formula 1 tra passato e futuro

Alfa Romeo schiera la storica Alfetta 158, vincitrice del primo Mondiale nel 1950, una “veterana” molto attuale, visto il ritorno del Marchio in Formula 1