Lunedì 14 Dicembre 2015 - 09:10

Fincantieri, cessazione dei contratti per due navi di Vard Promar

IMG

Milano, 14 dic. (LaPresse/Finanza.com) - Fincantieri ha annunciato oggi che Vard Holdings ha ricevuto la notifica che Petrobas Transportes ha terminato i contratti per due navi per il trasporto di greggio (liquified petroleum Gas Carriers) incluse nel portafoglio ordini di Vard Promar, società controllata indirettamente per il 50,5% da Vard. Le navi sono le ultime due della serie di otto, con consegna prevista tra il 2014 e il 2016. Il totale valore del contratto per le otto navi era pari a 536 milioni di dollari. "Si ritiene che la cessazione dei contratti, qualora efficace, riduca l'esposizione di Vard sul mercato brasiliano", si legge nella nota che precisa però come Vard non preveda che la cessazione abbia un impatto significativo sull'utile per azione per l'esercizio in chiusura al 31 dicembre 2015. Fincantieri possiede il 55,63% del capitale di Vard e ne consolida integralmente i risultati.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Geely Automobile smentisce al momento piani di acquisizione Fca

Geely Automobile smentisce al momento piani di acquisizione Fca

La testata Automotive News aveva parlato dell'interesse di diversi produttori cinesi per Fiat Chrysler Automobiles

Istat, nel secondo trimestre il Pil cresce dello 0,4%: +1,5% annuo

Istat, nel secondo trimestre il Pil cresce dello 0,4%: +1,5% su anno

Era dal secondo trimestre del 2011 che il Pil non segnava una crescita così significativa. Genitloni: "Meglio delle pevisioni"

Francoforte, la conferenza stampa del presidente BCE Mario Draghi

Germania dalla Corte europea contro aiuti Bce alla zona euro

Il presidente della corte federale ha dichiarato che "esistono ragionevoli motivi' per credere che l'acquisto di titoli di Stato sia stato illegale

In Uk restano banconote con grasso, alternativa è olio di palma

In Uk restano banconote con grasso, alternativa è olio di palma

Anche dopo le proteste di animalisti e vegani, la Bank of England ha deciso che non modificherà la composizione del polimero 'incriminato'