Mercoledì 29 Novembre 2017 - 12:00

Fincantieri, pronta "Seaside", la nave più grande mai costruita in Italia

Oggi la cerimonia di consegna a MSC Cruises, alla presenza del Presidente della Repubblica

Fincantieri ha annunciato che è stata consegnata oggi a Monfalcone la Msc "Seaside", la prima di due navi di prossima generazione, realizzata dal gruppo di Trieste per Msc Cruises. "Msc Seaside è la più grande nave finora realizzata in Italia - ricorda Fincantieri in una nota -. Lunga 323 metri e con una stazza lorda di 154.000 tonnellate, la nuova unità può ospitare 5.179 passeggeri a bordo". Msc "Seaview", gemella di MSC "Seaside", sarà consegnata nella primavera del 2018. Giornata positiva in Borsa per Fincantieri, con il titolo che guadagna circa l'1,27 per cento.

In mattinata, a Monfalcone, la cerimonia di consegna alla presenza del Capo dello Stato, Sergio Mattarella.

Fincantieri, in 230 anni di attività, ha costruito oltre 7.000 navi. Oggi ha quasi ventimila dipendenti (8.200 in Italia) che lavorano in venti stabilimenti sparsi in quasi tutto il mondo. E' il maggior costruttore di navi in Occidente e lavora per le Marine mercantili e belliche di molti paesi.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

PD - Sit in del Partito democratico sotto la sede dell?Agcom

Fatturazione ogni 4 settimane: stop per legge, ma le Telco vanno avanti

AgCom e Parlamento sono intervenuti, ma le compagnie telefoniche continuano a proporli. Per i consumatori un danno da un miliardo all'anno

Euro sign seen at former ECB headquarters in Frankfurt

La PA italiana paga a oltre 100 giorni. Deferita alla Corte Ue

A tre anni dalla prima denuncia, situazione deprecabile. Il pubblico deve alle aziende circa 64 miliardi

Milano, presidio contro mamma licenziata da IKEA

Istat, aumentano gli occupati. Ma sono a tempo determinato

Occupazione in crescita, ma qualitativamente discutibile. Diminuiscono gli "scoraggiati"

AUT, Jahresrückblick 2017

Volano i bitcoin. La criptomoneta elettronica vale 12mila dollari

Il loro valore continua a salire. C'è timore di una bolla che potrebbe esplodere, ma anche la possibilità che salgano ancora