Sabato 14 Gennaio 2017 - 13:45

Firenze, protesta dei migranti davanti alla prefettura

La manifestazione arriva a due giorni dall'incendio di Sesto Fiorentino, costato la vita a un giovane somalo

Firenze, protesta dei migranti davanti alla prefettura: tensioni con polizia

Tensione a Firenze ,dove alcuni migranti, circa una cinquantina, hanno tentato di fare irruzione nella prefettura. I migranti, che vivevano nel capannone andato a fuoco giovedì a Sesto fiorentino e in cui ha perso la vita un uomo di 35 anni, sono stati respinti dalla polizia con due cariche antisommossa. La prefettura si trova in via Cavour e, da quanto si apprende da fonti di polizia, i migranti si trovavano davanti all'ingresso da questa mattina alle nove. In seguito al rogo del capannone rifugio i migranti sono stati trasferiti temporaneamente nel palazzetto dello sport di Sesto Fiorentino.

Una prima protesta era stata organizzata proprio giovedì sempre davanti alla prefettura. I manifestanti in quell'occasione hanno prima sostato vicino allo stabile urlando slogan come "morto per colpa dello Stato", poi si sono spostati a Palazzo Strozzi e hanno tentato di fare irruzione alla mostra del pittore cinese Ai Weiwei.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Lucca, insulti e minacce al prof: 4 minori indagati, spuntano altri video

Preso di mira per aver dato un brutto voto. Uno degli studenti lo attacca: "Mi metta sei, lei non ha capito nulla, chi è che comanda? In ginocchio!"

Ambulanze a Milano

Lite finisce in tragedia, spara in strada a Follonica: un morto e due feriti

I colpi esplosi davanti a un albergo in via Matteotti al culmine di un litigio tra conoscenti

Pisa, colpito con una testata da un collega: muore dopo una lunga agonia

La vittima è un operaio di 44 anni che lavorava in una segheria a Bientina

Antonio Logli

Caso Ragusa, chiesta conferma condanna a 20 anni per il marito Antonio Logli

In corso il processo di appello. E' accusato di aver ucciso la moglie e di averne distrutto il cadavere