Mercoledì 22 Novembre 2017 - 12:45

Firenze, ragazze Usa stuprate: sentita una delle studentesse

Sotto accusa i carabinieri Marco Camuffo e Pietro Costa. Le studentesse vengono sentite dal Gip in una stanza collegata in video e audio

È durata ben sette ore, con una pausa, per il pranzo, ed è finita alle 18 la testimonianza della prima delle due studentesse americane sentite mercoledì a Firenze in incidente probatorio nell'ambito dell'inchiesta sulla presunta violenza sessuale denunciata dalle due ragazze da parte di due carabinieri in servizio la notte del 7 settembre scorso nel capoluogo toscano.

Da quanto si apprende, la prima ragazza ha rievocato i fatti, rispondendo alle domande del giudice, e in alcuni momenti avrebbe mostrato commozione e disagio. Poi con i familiari ha lasciato da un'uscita secondaria l''aula bunker per recarsi a Roma da dove rientrerà negli Stati Uniti.

Al momento il gip Mario Profeta sta sentendo la testimonianza dell'altra studentessa. L'udienza si tiene a porte chiuse e le due ragazze statunitensi vengono sentite con modalità protetta in una stanza dove rispondono alle domande del giudice coadiuvato dal un interprete. Il pm e gli avvocati seguono le deposizioni da un altra sala tramite sistema audio video.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Prima nevicata a Milano

Neve e ghiaccio su strade e ferrovie. Blocchi in Piemonte e Liguria. Rischi alluvione in Toscana

Situazione complicata per i trasporti nel Nord Ovest. Chiuse autostrade e linee ferroviarie. La spiegazione della parola "gelicidio"

Siena, la sua casa all'asta: donna disabile si taglia le vene in tribunale

La 56enne, vittima di un incidente sul lavoro, si trova in ospedale

Brescia, incidente mortale alla gara di auto Malegno Borno

Firenze, muore a 10 anni durante intervento chirurgico: esposto dei genitori

Ora il team di Neurochirurgia ha richiesto un riscontro autoptico

Parma, l'Ospedale Maggiore dove è morto Toto Riina

Firenze, bandiera del Reich in stanza caserma carabinieri \ VIDEO

L'Arma sta valutando provvedimenti disciplinari