Mercoledì 22 Novembre 2017 - 12:45

Firenze, ragazze Usa stuprate: sentita una delle studentesse

Sotto accusa i carabinieri Marco Camuffo e Pietro Costa. Le studentesse vengono sentite dal Gip in una stanza collegata in video e audio

È durata ben sette ore, con una pausa, per il pranzo, ed è finita alle 18 la testimonianza della prima delle due studentesse americane sentite mercoledì a Firenze in incidente probatorio nell'ambito dell'inchiesta sulla presunta violenza sessuale denunciata dalle due ragazze da parte di due carabinieri in servizio la notte del 7 settembre scorso nel capoluogo toscano.

Da quanto si apprende, la prima ragazza ha rievocato i fatti, rispondendo alle domande del giudice, e in alcuni momenti avrebbe mostrato commozione e disagio. Poi con i familiari ha lasciato da un'uscita secondaria l''aula bunker per recarsi a Roma da dove rientrerà negli Stati Uniti.

Al momento il gip Mario Profeta sta sentendo la testimonianza dell'altra studentessa. L'udienza si tiene a porte chiuse e le due ragazze statunitensi vengono sentite con modalità protetta in una stanza dove rispondono alle domande del giudice coadiuvato dal un interprete. Il pm e gli avvocati seguono le deposizioni da un altra sala tramite sistema audio video.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Meningite: l'ospedale Meyer di Firenze

Firenze, muore di meningite un neonato di due mesi

Un caso raro ma possibile: lo streptococco gli è stato passato dalla madre al momento della nascita

"Negro di m...": spari contro migrante in una parrocchia a Pistoia

La denuncia di don Massimo Biancalani, parroco di Vicofaro

Firenze, prete arrestato per violenza su una una bambina di 10 anni. "Pensavo fosse più grande"

Don Glaentzer, sorpreso in auto con la bimba, ha ammesso di aver avuto altri incontri sostenendo che sarebbe stata sempre la minorenne "a prendere l'iniziativa"

The Disgruntled Childhood Report

Firenze, arresti e denunce per pedofilia su Fb, coinvolto aspirante diacono

Pensionati, disoccupati e uno studente nella rete. Perquisizioni in diverse regioni