Martedì 10 Ottobre 2017 - 15:15

Fmi avverte l'Italia: "Disoccupazione non scenderà sotto l'11% fino al 2018"

Alzate invece le stime sul Pil al +1,5% nel 2017 e al +1,1% nel 2018

Fmi avverte l'Italia: "Disoccupazione non scenderà sotto al 11% fino al 2018"

La disoccupazione in Italia non scenderà sotto l'11% almeno fino al 2018. Ad affermarlo è il Fmi nel suo ultimo World Economic Outlook. Secondo il rapporto il tasso calerà all'11,4% nel 2017, dall'11,7% del 2016, per poi scendere ancora al 2018 all'11%.

LE STIME SUL PIL, DEFICIT E DEBITO. Il Fondo ha alzato le stime sul Pil dell'Italia al +1,5% nel 2017 e al +1,1% nel 2018. A luglio l'istituzione internazionale con sede a Washington stimava una crescita del +1,3% quest'anno e del 1% il prossimo. Allineandosi al +1,5% indicato dal governo italiano come obiettivo per il 2017, rispetto allo scorso aprile le previsioni del Fmi sono state alzate di ben 0,7 punti percentuali.

Il deficit, secondo il Fmi, calerà al 2,2% del Pil nel 2017, rispetto al 2,4% del 2016, e poi una nuova flessione nel 2018 all'1,3%.

Per quanto riguarda il debito pubblico, si toccherà quota 133% del Pil nel 2017, dal 132,6% del 2016, per poi ricominciare a scendere al 131,4% nel 2018. Nel 2022, secondo il rapporto, il debito italiano sarà pari al 120,1%.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Accordo di libero scambio Ue-Giappone. Tusk: "Messaggio contro protezionismo"

La storica intesa permetterà all'85% dei prodotti agroalimentari europei di entrare nel Paese senza dazi doganali

Camp Jeep 2018: alla scoperta della nuova Wrangler

Fca, a giugno immatricolate 104.100 auto in Europa: Jeep +72,1%

Ottimi risultati anche per l'Alfa Romeo con i suoi modelli di punta Stelvio e Giulia

CHINA-EU-SUMMIT-DIPLOMACY

Dazi, summit Ue-Cina a Pechino: "Evitare conflitti, Wto da riformare"

Il governo cinese, intanto, ricorre all'Organizzazione mondiale del commercio contro la minaccia di tariffe pari a 200 miliardi avanzata dagli Stati Uniti

Presentazione del XVI Rapporto annuale dell’INPS

Dl dignità, governo contro Boeri. Lui ribatte: "I dati non si fanno intimidire"

Il ministro del Lavoro si era scagliato contro le lobby che avrebbero modificato la relazione tecnica sul decreto