Lunedì 12 Febbraio 2018 - 18:15

Foggia, vicepreside sgrida alunno: preso a pugni dal papà

Aveva rimproverato il bambino perché spingeva le compagne in fila davanti a lui rischiando di far cadere

Trauma cranico e addominale con prognosi di 30 giorni. È quanto ha subito Pasquale Diana, vicepreside della scuola secondaria di I grado 'L. Murialdo' di Foggia, dopo che sabato è stato aggredito dal padre di un alunno, che è andato a scuola in orario di ingresso delle classi e, eludendo la vigilanza dei collaboratori scolastici, si è avventato contro il professore.

Il genitore, come ricostruito nelle numerose testimonianze depositate in Questura, si è avventato sul vicepreside, che non ha reagito ai colpi infertigli alla testa e all'addome. Tutto sarebbe nato dal fatto che Diana, nelle sue funzioni di sorveglianza degli alunni all'uscita di scuola, aveva rimproverato l'alunno perché spingeva le compagne in fila davanti a lui rischiando di far cadere. L'alunno è stato preso per il braccio e allontanato dalla fila e il padre, ascoltando poi soltanto la versione del figlio, senza chiedere chiarimenti, si sarebbe scagliato brutalmente contro il professore.

I collaboratori scolastici e i docenti presenti, colti alla sprovvista, non sono riusciti a evitare l'aggressione. "Fatti gravi", ammonisce la ministra dell'Istruzione, Valeria Fedeli, "la violenza fisica o verbale non è mai tollerabile. E lo è ancor meno quando si verifica all'interno di una scuola. Il luogo dove alle nostre ragazze e ai nostri ragazzi dobbiamo insegnare il rispetto dell'altro, la convivenza civile". Fedeli ha contattato Diana per manifestargli la propria vicinanza. "Sconvolge pensare che un genitore possa entrare in una scuola e compiere atti simili", rimarca, "che vanno condannati con forza". 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Earth day, un miliardo di persone per salvare la Terra dalla plastica

Iniziative in oltre 190 paesi del mondo per la 48esima edizione della manifestazione ambientalista delle Nazioni Unite

Brescia, pakistana uccisa da padre e fratello perché voleva sposare un italiano

Sana, ben inserita in città, era tornata nel suo paese per far visita ai familiari, che non approvavano la sua scelta