Domenica 10 Settembre 2017 - 14:15

Francia, sparatoria in stazione a Noyon: 4 morti, 2 sono bimbi

Un assalitore si sarebbe suicidato, l'altro è ricercato. Dietro potrebbe esserci una disputa familiare

Controlli di sicurezza rafforzati a Parigi

È di quattro morti, fra cui due bambini, il bilancio di una sparatoria avvenuta in Francia intorno alle 11.30 su un binario della stazione di Noyon, nel dipartimento dell'Oise, oltre 100 chilometri a nord di Parigi. Lo riporta il quotidiano Le Parisien, spiegando che tre dei morti sono una donna di Guiscard e i suoi due figli di 3 e 5 anni e che le vittime erano state aiutate da un amico della famiglia a lasciare la città quando due persone hanno aperto il fuoco contro di loro. La quarta vittima è uno degli assalitori, che si sarebbe suicidato, mentre il secondo assalitore è al momento ricercato dalle forze dell'ordine. La stazione è stata circondata dagli agenti.

Secondo quanto riportano i media francesi, viene privilegiata la pista della disputa familiare. Disagi nella circolazione dei treni, che secondo il giornale regionale Courrier Picard sulla tratta Parigi/Saint-Quentin non effettuano la fermata di Noyon.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Messico, terremoto di magnitudo 7.1: crolla un palazzo / VIDEO

Su Twitter le immagini di un edificio distrutto a Città del Messico. Ancora non si sa se ci sono vittime

Fortissima scossa di terremoto in Messico: migliaia di persone in strada

Scossa magnitudo 7.1 nel sud del Messico: migliaia di persone in strada, almeno due morti

Il terremoto avviene nel giorno dell'anniversario del devastante sisma che ha fatto migliaia di vittime nel 1985

Spagna, pullman di studenti Erasmus esce di strada: muoiono 13 ragazze

Studentesse Erasmus morte in Spagna, archiviata causa contro autista bus

Il papà di una delle italiane: "Si vogliono coprire le inefficenze"

Ryanair cancellations

Ryanair, sono 704 i voli cancellati in Italia. Le tutele per i viaggiatori

Rimborsi o nuovi biglietti. La normativa è complessa. Consumatori sul piede di guerra