Lunedì 26 Gennaio 2015 - 17:00

Franco Zeffirelli: Fare del bene placa mie ansie e dolori

IMG

Assisi, 26 gen. (LaPresse) - "Sono arrivato a trovare personalmente il segreto per dare pace alle mie ansie e ai miei dolori: il Bene, che è motore di tutte le virtù e conforto per i mali del mondo. Chiediamoci tutti se quello che ci manca è la soluzione magica di servire il bene, fare del bene e amare il bene". A dirlo è Franco Zeffirelli, regista 91enne, che si confida alla rivista 'San Francesco' (edizione di gennaio) e al sito sanfrancesco.org, editi dai frati del Sacro convento di Assisi.

Nell'intervista il regista parla dell'Italia di oggi, della crisi, del disagio dei giovani, dello stato della cultura e della figura di San Francesco, a cui è fortemente legato: "Francesco - spiega Zeffirelli - è lo spirito gemello di ognuno di noi, e a differenza di tutti gli altri Santi, che sono pilastri della nostra fede, non lo si sente come uno spirito superiore e spesso inafferrabile che devi accettare per una disciplina dell'anima piuttosto che dal convincimento dei nostri cuori. Nelle notti che seguono a giorni disperati, chiediamo a Francesco consiglio e guida per superare il nostro dolore".

Ai giovani inquieti, a disagio, Zeffirelli chiede di "sentire dentro di sé un cuore e uno spirito forti. Se sei forte sceglierai le strade e le pieghe della vita che ti porteranno alla soluzione dei problemi. Se questo non succede bisogna interrogarsi se abbiamo nel cuore una vera, ardente, fortissima fiducia nel corso spirituale della preghiera. Non esiste nella vita di ognuno di noi una minaccia del male che non si possa sconfiggere.Vogliate sempre bene a qualcuno e qualcosa fermamente: l'amore che saprete suscitare sarà l'onda per vincere tutte le battaglie".

"Le parole di Franco Zeffirelli - ha commentato il direttore della rivista, padre Enzo Fortunato - penetrano nella carne e vanno diritte al cuore, riscaldandolo. E scuotono la coscienza'". L'intervista al regista è, secondo padre Fortunato, "una specie di testamento-appello. Per lui è una questione di fede: fede in Dio, fede - come fiducia - in se stessi, fede nella capacità salvifica di fare il bene. Sembra qui di riascoltare quel motto francescano 'Finché abbiamo tempo operiamo il bene', che è il motore di tutte le nostre iniziative di solidarietà rivolte alle donne e agli uomini di buona volontà".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Trame, festival dei libri sulle mafie: assegnato il Nastro d'argento per la legalità

Il direttore artistico Savatteri: "Lamezia capitale della cultura contro le mafie"

Nasce la nuova rivista Diva e donna Cucina

Il magazine di Cairo Editore mercoledì in edicola

'F' festeggia i sei anni: numero speciale dedicato all'estate

Dai look estivi di tendenza alle spiagge più belle per le vacanze