Domenica 19 Marzo 2017 - 13:30

Germania a Usa: Berlino non ha debiti su difesa

Così il governo tedesco rimanda al mittente le accuse di Trump

Merkel e Trump

Berlino (Germania), 19 mar. (LaPresse/Reuters) - La ministra della Difesa tedesca, Ursula von der Leyen, ha respinto l'affermazione del presidente americano Donald Trump secondo cui la Germania dovrebbe alla Nato e agli Stati Uniti "cospicue somme" di denaro per la difesa. "Non c'è nessun debito alla Nato", ha dichiarato von der Leyen, aggiungendo in riferimento all'obiettivo di spesa del 2% del Pil: "La spesa per la difesa va anche in missioni di peacekeeping Onu, nelle nostre missioni europee, nel nostro contributo alla lotta contro il terrorismo dello Stato islamico".

Tutti, ha sottolineato la ministra tedesca, vogliono che il peso sia condiviso equamente e perché ciò accada è necessario avere un "concetto moderno di sicurezza" che includa una Nato moderna, ma anche un'unione di difesa europea e investimenti alle Nazioni unite. Ieri Trump ha scritto su Twitter, il giorno dopo aver incontrato la cancelliera tedesca Angela Merkel a Washington, che la Germania "deve cospicue somme di denaro alla Nato e agli Usa", a cui "deve essere pagato di più per la difesa potente, e molto costosa, che forniscono" al Paese.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Gala omaggio della AFI al 46esimo premio alla vita di George Clooney

Migranti, da George e Amal Clooney 100mila dollari per i bimbi separati dalle famiglie

Sempre più celebrità si schierano contro la politica della 'tolleranza zero' di Trump

Messico-Usa, la "Viacrucis Migrante"

Migranti, Trump: "Firmato decreto per tenere famiglie unite"

La decisione dopo le polemiche sui bimbi separati dai genitori fermati per essere entrati illegalmente negli Stati Uniti

I Cardinali elettori

Usa, il cardinal Mc Carrick colpevole di abusi su minore

L'arcivescovo emerito di Washington accusato per un fatto di 50 anni fa. Gli inquirenti hanno ritenuto credibile la denuncia. Lui: "Non ricordo, ma accetto la sentenza"

Flusso di migranti al confine fra Ungheria e Austria

L'Ungheria approva la legge 'Stop-Soros': carcere a chi aiuta i migranti

Il pacchetto prende il nome dal miliardario Usa George Soros, accusato da Orban di orchestrare l'immigrazione in Europa