Martedì 13 Febbraio 2018 - 12:30

Gigi Riva derubato del cellulare, l'amico lancia un appello social

Pino Serra su Facebook racconta: "Ha offerto dei soldi a un mendicante che lo ha abbracciato e gli ha sfilato il telefonino"

18 JUL 2006, ROME, PARCO DEI PRINCIPI HOTEL: PRESS CONFERENCE OF THE NEW TRAINER OF THE ITALY SOCCER TEAM, ROBERTO DONADONI

La bontà di Gigi Riva non è stata premiata. Il mitico 'Rombo di tuono' è stato derubato da un mendicante al quale aveva appena offerto dei soldi. A denunciare l'accaduto è stato un amico storico dell'ex attaccante, Pino Serra.

"A tutti gli amici.... qualche giorno fa all'amico Gigi Riva è stato rubato - ha raccontato Serra su Facebook - Il tutto è accaduto dopo che Gigi gli aveva offerto del denaro per compassione (diceva che non mangiava da 2 giorni) apparentemente per ringraziare del gesto di generosità, abbracciò Gigi e contemporaneamente gli infilò una mano in tasca della giacca derubandolo".

"Gigi - si legge ancora nel post - è disposto a offrirgli una mancia purchè torni in possesso del cellulare che non ha un gran valore economico se non i numeri telefonici contenuti in rubrica! Vi chiedo cortesemente di collaborare per cercare di rintracciarlo. Grazie a tutti. Come sempre la gente gioca sulla pelle delle persone...personalmente non sono razzista, ho il massimo rispetto di tutte le razze umane di qualsiasi colore...quindi mi scuso con tutti i marocchini, algerini e nordafricani onesti , Dio quando ha creato il Mondo non l'ha suddiviso in nazioni...la terra è per tutti e di tutti quindi affanculo i razzisti e le persone che non amano il prossimo ONESTO !!!

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Earth day, un miliardo di persone per salvare la Terra dalla plastica

Iniziative in oltre 190 paesi del mondo per la 48esima edizione della manifestazione ambientalista delle Nazioni Unite

Brescia, pakistana uccisa da padre e fratello perché voleva sposare un italiano

Sana, ben inserita in città, era tornata nel suo paese per far visita ai familiari, che non approvavano la sua scelta