Venerdì 09 Ottobre 2015 - 17:05

Giletti: Ho detto no a Berlusconi, mi voleva sindaco di Torino

IMG

Roma, 9 ott. (LaPresse) - Massimo Giletti, conduttore e giornalista, oggi al programma di Radio2 'Un Giorno da Pecora', condotto da Giorgio Lauro e Geppi Cucciari, ha raccontato della singolare proposta ricevuta da Silvio Berlusconi, che aveva sondato il terreno per candidarlo a sindaco di Torino alle amministrative del prossimo anno. "Si vede che non c'erano altri candidati torinesi di un certo tipo. Oggi i partiti contano sempre meno, contano più le facce".

 

 

 

"Se per Milano si lavora sul Del Debbio - continua Giletti - si vede che per Torino andava bene un Giletti. A Berlusconi comunque ho detto di no, non è la strada che voglio percorrere oggi", ha detto il conduttore ai microfoni di Radio2. Avendo a L'Arena quattro milioni di telespettatori, avrebbe potuto avere anche un seguito in politica? "Basta vedere quanti voti prese ai tempi una come la Gruber oppure come Santoro". Se fosse diventato sindaco, cosa avrebbe fatto per prima cosa? "Avrei snellito il sistema burocratico", ha risposto Giletti. Ai due conduttori, che gli chiedono se Berlusconi lo ritenga un uomo del centrodestra, Giletti risponde così: "C'è ancora la destra o la sinistra? Secondo me più che i partiti ci sono le facce".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Luigi Di Maio ospite a "Mezz'ora in più"

Dl dignità, Di Maio e Tria: "No accuse al Mef, ma troveremo 'manina'"

Il ministro del Lavoro si era scagliato contro le lobby che avrebbero modificato la relazione tecnica sul decreto

Luigi Di Maio ospite di "In Onda"

Decreto dignità, Di Maio: "Relazione modificata da lobby". Mef smentisce

Il ministro del Lavoro contro il numero apparso nella relazione tecnica al decreto

Scontro sulla nuova segreteria Pd, Emiliano: "Restiamo fuori". Calenda: "Harakiri"

Il governatore pugliese: "Non entriamo senza garanzia di un profondo cambiamento di linea politica". L'ex ministro duro: "Siamo alla farsa"

Migranti su navi gdf e Frontex. Conte: "Francia e Malta ne prenderanno 50 a testa"

Le due imbarcazioni ferme in attesa di disposizioni. Il sindaco di Pozzallo: "Noi pronti ad accoglierli"