Sabato 12 Maggio 2018 - 17:15

Giro, al Santuario di Montevergine vince Carapaz. Yates tiene la maglia rosa

L'ecuadoregno trionfa nel secondo arrivo in salita. Secondo Formolo, terzo Pinot. Caduta per Froome che arriva col gruppo di Yates

Giro d'Italia 2018, Tappa 8: Praia a mare - Montevergine di Mercogliano

Nel secondo arrivo in salita, al Santuario di Montevergine, sotto una pioggia battente, tocca all'ecuadoregno Richard Carapaz, maglia bianca di miglior giovane. Una stoccata quando manca poco più di un chilometro all'arrivo, una vera e propria fucilata dell'uomo della Movistar per andare a prendere l'olandese Bouwman (in fuga da tempo con altri tre), staccarlo e volare verso il traguardo mentre la pioggia diventa grandine. E nell'arrivo del gruppo, a pochi secondi, c'è gloria per Formolo che batte il francese Thibaut Pinot il quale, grazie all'abbuono, scavalca Domenico Pozzovivo in classifca e si porta al quarto posto. Nessun problema per Simon Yates che conserva tranquillamente la maglia rosa. Brutta caduta (la seconda dopo quella del primo giorno a Gerusalemme) per Chris Froome: quando mancano poco più di 5 chilometri all'arrivo, l'inglese scivola e cade pesantemente sul fianco destro. Si rialza, riparte e torna in gruppo abbastanza facilmente. Ma le conseguenze, a freddo, si vedranno domani.

Da Praia a Mare al santuario di Montevergine di Mercugliano (provincia di Avellino) sono 209 chilometri. Dopo appena 23, partono in sette: gli italiani Matteo Montaguti (AG2R La Mondiale) e Davide Villella (Astana), gli sloveni Matej Mohoric (Bahrain – Merida) e Jan Polanc (UAE-Team Emirates), il belga Tosh Van der Sande (Lotto FixAll), il colombiano Rodolfo Torres (Androni – Sidermec) e l'olandese Koen Bouwman (Lotto NL – Jumbo). Staranno davanti per oltre 150 chilometri. L'ultimo, Bouwman resisterà fino all'ultimo chilometro quando vedrà sfrecciarsi davanti la maglia bianca di Carapaz alla terza vittoria stagionale.

Domani la nona tappa. Frazione molto lunga (225 km) con partenza da Pesco Sannita, in provincia di Benevento, e traguardo in salita – il terzo – ai 2135 metri di Campo Imperatore, nel Massiccio del Gran Sasso.

Richard Carapaz - "Sono molto felice ed emozionato, è la mia prima vittoria in un grande giro. Ho lavorato duro per arrivarci. Avevo buone gambe sin dall'inizio della salita". Richard Carapaz commenta così il successo ottenuto nell'ottava tappa del giro d'Italia, sull'arrivo in salita di Montevergine. "Ho dovuto provare da lontano perché avevo poche possibilità di vincere uno sprint. Ho scelto il momento giusto e sono partito ai 2 km - ha aggiunto l'ecuadoriano della Movistar - È ancora lunga la strada per Roma e devo ancora capire cos'altro posso ottenere, ma sono già felice".

 

ORDINE D'ARRIVO 8/A TAPPA
1 RICHARD CARAPAZ (MOV) 5h11'35''
2 DAVIDE FORMOLO (BOH) a 7''
3 THIBAUT PINOT (GFC) st
4 ENRICO BATTAGLIN (TLJ) st
5 SIMON PHILIP YATES (MTS) st
6 DOMENICO POZZOVIVO (TBM) st
7 JHOAN ESTEBAN CHAVES (MTS) st
8 PATRICK KONRAD (BOH) st
9 MICHAEL WOODS (EFD) st
10 PELLO BILBAO LOPEZ (AST) st

CLASSIFICA GENERALE
1 SIMON PHILIP YATES (MTS) 31H43'12''
2 TOM DUMOULIN (SUN) 16'
3 JHOAN ESTEBAN CHAVES (MTS) 26''
4 THIBAUT PINOT (GFC) 41''
5 DOMENICO POZZOVIVO (TBM) 43''
6 ROHAN DENNIS (BMC) 53''
7 PELLO BILBAO LOPEZ (AST) 1'03''
8 RICHARD CARAPAZ (MOV) 1'06''
9 CHRIS FROOME (SKY) 1'10''
10 GEORGE BENNET (TLJ) 1'11''

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Rafael Nadal vs Alexander Zverev - Finale Tennis Internazionali BNL d'Italia 2018

Tennis, Nadal trionfa a Roma per l'ottava volta. Zverev: "Sei il più grande sulla terra"

Nadal non si imponeva al Foro Italico dal 2013 e da domani sarà nuovamente numero uno delle classifiche mondiali

Giro d'Italia 2018, tappa 15 da Tolmezzo a Sappada

Giro d'Italia, Yates trionfa in solitaria a Sappada. Froome staccato

Ottima prova di Pozzovivo quarto al traguardo e terzo in classifica. Crolla Fabio Aru

Giro d'Italia 2018, tappa 14 da San Vito al Tagliamento al Monte Zoncolan

Giro d'Italia, Froome trionfa sullo Zoncolan, Yates sempre in rosa

L’inglese scatta a 4km dall’arrivo e stacca tutti. Terzo un fantastico Dimenico Pozzovivi, quarto Lopez

Thierry Neuville, le chiavi del successo nel rally

Ecco il segreto del ventinenne pilota della Hyundai che in questa stagione è alla caccia del suo primo titolo mondiale del WRC