Mercoledì 24 Maggio 2017 - 13:15

Glutei sodi con Macrolane: i consigli del dottor Manola

Ora è possibile migliorarne l’aspetto con la Medicina Estetica

Glutei sodi con Macrolane: i consigli del dottor Manola

Avere glutei alti e sodi, soprattutto in una donna, è importante per sentirsi bene con sé stesse e più sicure di sé. Quando palestra e massaggi non bastano, c’è chi si rivolge al chirurgo plastico. Scopriamo con il dott. Mirko Manola come scolpire il lato B: ora è possibile migliorare l’aspetto dei propri glutei senza ricorrere alla chirurgia estetica affidandosi ai trattamenti oggi disponibili nella Medicina Estetica.

L’Acido Ialuronico infatti permette di ottenere un risultato assolutamente naturale e in linea con i desideri del paziente. L’intervento non è invasivo, non necessita di anestesia generale e il recupero è veloce. Il trattamento va ripetuto 1 volta ogni anno per 3-4 anni, dopodiché il risultato sarà stabile nel tempo. Ma vediamo insieme nel dettaglio in cosa consiste il trattamento.

L'acido ialuronico è un gel denso e viscoso considerato un prodotto di riferimento in campo di trattamenti estetici di riempimento, ripristino dei volumi e rivitalizzazione. Utilizzato con successo nei filler per riempire le rughe, con il Macrolane, si possono rimodellare i glutei, rialzarli e aumentarne armoniosamente il volume con risultati apprezzabili, visibili e naturali. L’acido ialuronico migliora l’elasticità cutanea dei tessuti permettendo alla zona trattata di riprendere tono e vigore.

L’iniezione di acido ialuronico si effettua in ambulatorio, senza bisogno di degenza. La procedura viene eseguita in anestesia locale e dura dai 45 minuti all’ora e mezza, a seconda della quantità di gel da iniettare. In genere, dopo l’iniezione di macrolane si potrebbe avvertire una tensione nel punto in cui è stato iniettato il gel, o notare edema lieve, piccoli fastidi che si dissolvono rapidamente nel giro di pochi giorni. In tutti i casi si può ricorrere a un trattamento con antidolorifici e ghiaccio da applicare sulla zona interessata.

Il risultato delle iniezioni è apprezzabile sin da subito ma l’effetto finale ottimale sarà completamente visibile dopo un paio di settimane, il tempo necessario affinché il prodotto si distribuisca bene, il gonfiore scompaia e il tessuto riacquisti la sua naturale flessibilità.

Scritto da 
  • redazione
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Senato - ddl su biotestamento

Legge sul Biotestamento, il Senato approva i primi articoli

Superati senza ostacoli anche i voti segreti. Il testo completo dei primi due articoli

Online doctor services

Mal di testa&co, gli italiani si curano sul web: ma occhio alle fake news

Sono diventati 15 milioni quelli che cercano aiuto online, ma oltre la metà è incappato in una bufala

Participants take part in a commemoration ceremony near a monument in memory of AIDS victims in Kiev

Aids, 3.451 nuovi casi nel 2016. Allarme su diagnosi tardive

A preoccupare maggiormente anche la scarsa informazione da parte dei giovani

Manifestazione contro la violenza sulle donne

La violenza spezza le donne: boom 'sindrome del cuore infranto'

L'allarme dei cardiologi: la violenza, anche psicologica, può far ammalare