Mercoledì 24 Maggio 2017 - 13:15

Glutei sodi con Macrolane: i consigli del dottor Manola

Ora è possibile migliorarne l’aspetto con la Medicina Estetica

Glutei sodi con Macrolane: i consigli del dottor Manola

Avere glutei alti e sodi, soprattutto in una donna, è importante per sentirsi bene con sé stesse e più sicure di sé. Quando palestra e massaggi non bastano, c’è chi si rivolge al chirurgo plastico. Scopriamo con il dott. Mirko Manola come scolpire il lato B: ora è possibile migliorare l’aspetto dei propri glutei senza ricorrere alla chirurgia estetica affidandosi ai trattamenti oggi disponibili nella Medicina Estetica.

L’Acido Ialuronico infatti permette di ottenere un risultato assolutamente naturale e in linea con i desideri del paziente. L’intervento non è invasivo, non necessita di anestesia generale e il recupero è veloce. Il trattamento va ripetuto 1 volta ogni anno per 3-4 anni, dopodiché il risultato sarà stabile nel tempo. Ma vediamo insieme nel dettaglio in cosa consiste il trattamento.

L'acido ialuronico è un gel denso e viscoso considerato un prodotto di riferimento in campo di trattamenti estetici di riempimento, ripristino dei volumi e rivitalizzazione. Utilizzato con successo nei filler per riempire le rughe, con il Macrolane, si possono rimodellare i glutei, rialzarli e aumentarne armoniosamente il volume con risultati apprezzabili, visibili e naturali. L’acido ialuronico migliora l’elasticità cutanea dei tessuti permettendo alla zona trattata di riprendere tono e vigore.

L’iniezione di acido ialuronico si effettua in ambulatorio, senza bisogno di degenza. La procedura viene eseguita in anestesia locale e dura dai 45 minuti all’ora e mezza, a seconda della quantità di gel da iniettare. In genere, dopo l’iniezione di macrolane si potrebbe avvertire una tensione nel punto in cui è stato iniettato il gel, o notare edema lieve, piccoli fastidi che si dissolvono rapidamente nel giro di pochi giorni. In tutti i casi si può ricorrere a un trattamento con antidolorifici e ghiaccio da applicare sulla zona interessata.

Il risultato delle iniezioni è apprezzabile sin da subito ma l’effetto finale ottimale sarà completamente visibile dopo un paio di settimane, il tempo necessario affinché il prodotto si distribuisca bene, il gonfiore scompaia e il tessuto riacquisti la sua naturale flessibilità.

Scritto da 
  • redazione
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Tumori al polmone, nuova macchina per la ricerca

Un test per fotografare il cancro: la nuova frontiera della lotta alla malattia

L'esame sfrutta il 'Tumor Mutational Burden', un biomarcatore che misura le alterazioni molecolari

Corteo e flash mob Non una di meno in occasione del 40esimo anniversario della 194

Aborto, nel 2016 meno della metà del 1982: tutti i dati

Una donna su tre è straniera, il 60% delle strutture ospedaliere lo pratica, 7 su 10 i medici obiettori

Corteo e flash mob Non una di meno in occasione del 40esimo anniversario della 194

Quarant'anni di 194: ma l'aborto rischia di tornare alle mammane

Molte ombre sull'applicazione: obiezione di coscienza, Ru486, contraccezione. E il lavoro di una lobby europea che vuole tornare indietro sui diritti

Lancio di palloncini e Duomo illuminato di rosa per la ricerca contro il cancro

Un figlio dopo il cancro. Sette donne su dieci ci riescono

Uno studio di Institute Marques (Barcellona). Le tecniche lo permettono e la recidiva è molto bassa