Mercoledì 24 Maggio 2017 - 13:15

Glutei sodi con Macrolane: i consigli del dottor Manola

Ora è possibile migliorarne l’aspetto con la Medicina Estetica

Glutei sodi con Macrolane: i consigli del dottor Manola

Avere glutei alti e sodi, soprattutto in una donna, è importante per sentirsi bene con sé stesse e più sicure di sé. Quando palestra e massaggi non bastano, c’è chi si rivolge al chirurgo plastico. Scopriamo con il dott. Mirko Manola come scolpire il lato B: ora è possibile migliorare l’aspetto dei propri glutei senza ricorrere alla chirurgia estetica affidandosi ai trattamenti oggi disponibili nella Medicina Estetica.

L’Acido Ialuronico infatti permette di ottenere un risultato assolutamente naturale e in linea con i desideri del paziente. L’intervento non è invasivo, non necessita di anestesia generale e il recupero è veloce. Il trattamento va ripetuto 1 volta ogni anno per 3-4 anni, dopodiché il risultato sarà stabile nel tempo. Ma vediamo insieme nel dettaglio in cosa consiste il trattamento.

L'acido ialuronico è un gel denso e viscoso considerato un prodotto di riferimento in campo di trattamenti estetici di riempimento, ripristino dei volumi e rivitalizzazione. Utilizzato con successo nei filler per riempire le rughe, con il Macrolane, si possono rimodellare i glutei, rialzarli e aumentarne armoniosamente il volume con risultati apprezzabili, visibili e naturali. L’acido ialuronico migliora l’elasticità cutanea dei tessuti permettendo alla zona trattata di riprendere tono e vigore.

L’iniezione di acido ialuronico si effettua in ambulatorio, senza bisogno di degenza. La procedura viene eseguita in anestesia locale e dura dai 45 minuti all’ora e mezza, a seconda della quantità di gel da iniettare. In genere, dopo l’iniezione di macrolane si potrebbe avvertire una tensione nel punto in cui è stato iniettato il gel, o notare edema lieve, piccoli fastidi che si dissolvono rapidamente nel giro di pochi giorni. In tutti i casi si può ricorrere a un trattamento con antidolorifici e ghiaccio da applicare sulla zona interessata.

Il risultato delle iniezioni è apprezzabile sin da subito ma l’effetto finale ottimale sarà completamente visibile dopo un paio di settimane, il tempo necessario affinché il prodotto si distribuisca bene, il gonfiore scompaia e il tessuto riacquisti la sua naturale flessibilità.

Scritto da 
  • redazione
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Perquisizioni in Belgio e Olanda: sequestrate uova al Fipronil

Milioni di uova tolte dai supermercati. Si tratta di un insetticida che può dare disturbi anche all'uomo

Giornata mondiale contro il cancro

Tumore, una malattia curabile. Ma il 46% degli italiani non lo sa

Nel 60 per cento dei casi il cancro si può sconfiggere. Un convegno alla Versiliana sulla guaribilità e sulla prevenzione

DNA study

"Riscrivere" gli embrioni? "Grande idea. Ma attenti ai futuri Dna"

Intervista al prof Neri: "Si cancella una sequenza e se ne mette un'altra corretta"

Usa, per la prima volta modificato Dna embrioni per prevenire una malattia

Usa, modificato Dna embrioni per prevenire una malattia

L'annuncio su 'Nature': obiettivo è curare la cardiomiopatia ipertrofica. Si riapre dibattito su ingegneria genetica