Giovedì 23 Febbraio 2017 - 14:45

Google presenta un rilevatore contro insulti e troll online

Il filtro è stato già testato dal New York Times

Google lancia filtro contro insulti e troll online

Alphabet, la casa madre di Google, e la sussidiaria Jigsaw hanno lanciato una nuova tecnologia per aiutare le piattaforme online di notizie a identificare linguaggi violenti, insulti e troll. La tecnologia, battezzata Perspective, esaminerà i commenti 'tossici' o che rischiano di far abbandonare una conversazione agli utenti. Il sistema di identificazione è stato già testato dal New York Times e Google spera ora che possa estendersi a The Guardian e The Economist, così come ad altri siti web.

"Le società di notizie vogliono incoraggiare l'impegno e la discussione intorno ai loro contenuti, ma scoprire anche tra milioni di commenti quelli che sono di troll o abusivi e rischiano di richiedere un sacco di soldi, lavoro e tempo. Come risultato, molti siti hanno chiuso i commenti del tutto", ha detto con un post sul blog Jared Cohen, presidente di Jigsaw. "Pensiamo che la tecnologia possa aiutare", ha aggiunto. Secondo Cohen la tecnologia potrebbe migliorare ulteriormente andando a identificare attacchi personali o commenti fuori tema.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

#roundacademy: a Torino il primo corso in Italia per diventare Instagram Influencer

Un appuntamento mensile per scoprire che non bastano 10mila follower per fare la differenza

I VIP su Instagram

Sorridi che ti passa: oggi si celebra il World Smile Day

Sorridere fa bene: ecco i motivi per festeggiare la giornata mondiale del Sorriso

Giochi da tavolo, i 10 migliori party games di nuova generazione

I noti Taboo e Trivial Pursuit ora hanno dei nuovi eredi: ecco i giochi di società più divertenti per una serata in famiglia o tra amici

Catturata quarta onda gravitazionale: comincia una nuova astronomia

Il segnale, emesso durante la fusione di due buchi neri, è stato captato dai rivelatori scientifici di VIRGO e LIGO