Giovedì 23 Febbraio 2017 - 14:45

Google presenta un rilevatore contro insulti e troll online

Il filtro è stato già testato dal New York Times

Google lancia filtro contro insulti e troll online

Alphabet, la casa madre di Google, e la sussidiaria Jigsaw hanno lanciato una nuova tecnologia per aiutare le piattaforme online di notizie a identificare linguaggi violenti, insulti e troll. La tecnologia, battezzata Perspective, esaminerà i commenti 'tossici' o che rischiano di far abbandonare una conversazione agli utenti. Il sistema di identificazione è stato già testato dal New York Times e Google spera ora che possa estendersi a The Guardian e The Economist, così come ad altri siti web.

"Le società di notizie vogliono incoraggiare l'impegno e la discussione intorno ai loro contenuti, ma scoprire anche tra milioni di commenti quelli che sono di troll o abusivi e rischiano di richiedere un sacco di soldi, lavoro e tempo. Come risultato, molti siti hanno chiuso i commenti del tutto", ha detto con un post sul blog Jared Cohen, presidente di Jigsaw. "Pensiamo che la tecnologia possa aiutare", ha aggiunto. Secondo Cohen la tecnologia potrebbe migliorare ulteriormente andando a identificare attacchi personali o commenti fuori tema.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

KAZ, ISS Expedition, 52. Langzeitbesatzung der Internationalen Raumstation

Spazio, Paolo Nespoli torna sulla Terra: atterrata la navetta Souyz

L'astronauta torna a casa dopo 139 giorni di missione nella base spaziale

Un altro successo per Ariane 5. Lanciati nello spazio 4 satelliti Galileo

Sesta missione positiva nel 2017. I satelliti collocati perfettamente. Soddisfazione Avio (che produce i motori a propulsione solida): "Siamo player di riferimento per i lanciatori. Va avanti lo sviluppo del nuovo Vega C"

Facebook annual Year in Review data

La svolta fiscale di Facebook: "Pagheremo tasse nei Paesi in cui realizziamo i ricavi"

Da ora in poi i ricavi pubblicitari del social network di Mark Zuckerberg non saranno più interamente contabilizzati nella sede internazionale di Dublino