Mercoledì 27 Dicembre 2017 - 10:45

Hamilton sgrida il nipote perché si veste da principessa: bufera sui social

Il pilota corre ai ripari: "Mie parole inappropriate, tutti devono potersi esprimere come meglio credono"

Lewis Hamilton corre ai ripari dopo una gaffe sui social che non è sfuggita al popolo del web. In una storia pubblicata su Instagram - poi prontamente rimossa - il campione di Formula 1 sgrida il nipotino per essersi vestito da principessa: "Sono molto triste oggi - dice nel video il pilota - guardate mio nipote. Perché hai chiesto un abito da principessa per Natale? I maschietti non si vestono così!". Parole che hanno scatenato non poche polemiche, costringendo Hamilton a scusarsi su Twitter.

"Ieri stavo prendendo in giro io nipote e mi sono reso conto che le mie parole sono state inappropriate, per questo ho rimosso il post. Non volevo offendere nessuno. Adoro il fatto che mio nipote possa esprimere se stesso come crede", scrive in un primo tweet.

 

 

Poi aggiunge: "Le mie scuse più profonde, perché non si può accettare che qualcuno, non importano le origini, sia emarginato o inquadrato in uno stereotipo. Avrà sempre il mio sostegno chi vive la sua vita esattamente come lo desidera e spero che questo mio scivolone venga dimenticato".

 

 

 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Svelata la Ducati 2018. Dovizioso: "Rinnovo? Non devo più convincere nessuno"

Lorenzo carico: "La squadra e la moto sono pronti. Ho un obiettivo molto chiaro: dare il meglio di me"

Lewis Hamilton File Photo

Hamilton: "F1 per un pilota è il top, ma punto a nuove sfide"

Il neocampione del mondo potrebbe abbandonare le corse

F1, Marchionne: "Ritorno Alfa storico. Addio Ferrari? La minaccia è seria"

L'ad di Fca presenta al museo dell'Alfa di Arese il team Alfa Romeo Sauber e scherza: "Per chi tifo? Per ora per il Cavallino"

Alfa Romeo torna in Formula 1. Marchionne: "Nuovo capitolo di una storia leggendaria"

Ufficiale l'accordo con Sauber. La svolta dopo oltre 30 anni di assenza