Lunedì 03 Aprile 2017 - 10:30

I neonati italiani sono più 'piagnoni' dei tedeschi

Lo afferma uno studio dell'università di Warwick

I bambini piangono di più in Italia e Gb, meno in Germania

I bambini piangono di più in Italia, Regno Unito, Olanda e Canada, mentre si lamentano meno in Danimarca, Germania e Giappone. È quanto afferma uno studio dell'università di Warwick, in Inghilterra, pubblicato sul Journal of Pediatrics. La ricerca, che aveva come obiettivo l'analisi di quanto piangono i neonati nei primi tre mesi di vita, è stata condotta da diversi psicologi del Regno Unito, e ha portato a creare le prime mappe universali in merito. I livelli più alti sono stati individuati nel pianto che dura più di tre ore al giorno per almeno tre giorni a settimana e sono stati riscontrati appunto in bambini di Regno Unito, Canada e Italia. "Potremmo capire di più guardando alle culture in cui si piange meno, per esempio capire se questo possa essere dovuto al ruolo dei genitori o ad altri fattori legati alle esperienze in gravidanza, o alla genetica", spiega Dieter Wolker, che ha guidato lo studio.

Scritto da 
  • redazioni web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Tumori al polmone, nuova macchina per la ricerca

Un test per fotografare il cancro: la nuova frontiera della lotta alla malattia

L'esame sfrutta il 'Tumor Mutational Burden', un biomarcatore che misura le alterazioni molecolari

Corteo e flash mob Non una di meno in occasione del 40esimo anniversario della 194

Aborto, nel 2016 meno della metà del 1982: tutti i dati

Una donna su tre è straniera, il 60% delle strutture ospedaliere lo pratica, 7 su 10 i medici obiettori

Corteo e flash mob Non una di meno in occasione del 40esimo anniversario della 194

Quarant'anni di 194: ma l'aborto rischia di tornare alle mammane

Molte ombre sull'applicazione: obiezione di coscienza, Ru486, contraccezione. E il lavoro di una lobby europea che vuole tornare indietro sui diritti

Lancio di palloncini e Duomo illuminato di rosa per la ricerca contro il cancro

Un figlio dopo il cancro. Sette donne su dieci ci riescono

Uno studio di Institute Marques (Barcellona). Le tecniche lo permettono e la recidiva è molto bassa