Giovedì 06 Aprile 2017 - 16:15

I consigli di Fabio Aru nello 'Speciale Bici' di ForMen

"Tra il carbonio, l'alluminio e il titanio, il primo è il più leggero e adatto a uno scalatore come me"

I consigli di Fabio Aru nello 'Speciale Bici' di ForMen

Nel numero di aprile di ForMen magazine, il mensile maschile di Cairo Editore diretto da Andrea Biavardi, lo 'Speciale Bici': 16 pagine dedicate a uno degli sport che più appassiona gli italiani. All'interno dell'inserto consigli utili per tutti, dai principianti ai più esperti: modelli di bici con prestazioni di livello medio e alto, da quelle più veloci e leggere a quelle più tecnologiche e aerodinamiche; diverse tipologie di freni, selle, cambi, vari tipi di gomme che garantiscono un' ottima tenuta di strada, e infine abbigliamento tecnico e caschi. In più, un programma d'allenamento completo per quattro settimane e gli alimenti indicati prima di un'uscita in bici per migliorare la resistenza fisica e portare benefici sia al corpo che ai risultati. Testimonial Fabio Aru, il 27enne ciclista sardo grande scalatore e specialista delle corse a tappe.

 Aru dà consigli sui materiali, gli accessori da utilizzare e sulle novità tecniche che stanno cambiando la bicicletta. "Tra il carbonio, l'alluminio e il titanio, il primo è il più leggero e adatto a uno scalatore come me", afferma il ciclista. Se la scelta del telaio resta legata alla corporatura e al passo dell'atleta, due sono le innovazioni da cui tutti, dal principiante all'agonista, possono trarre vantaggio: il cambio digitale, che garantisce una cambiata fluida e senza perdite di potenza, e i freni a disco, sicuri anche sul bagnato.

Per quanto riguarda il corretto piano di allenamento e l'alimentazione, Aru suggerisce di non prendere sotto gamba una corretta idratazione, dato che basta una perdita del 2 per cento di liquidi per compromettere seriamente la performance: "D'estate i sali fanno bene per reintegrare ciò che si perde sudando". Sull'importanza del riposo, spesso trascurato ma che è invece parte integrante di ogni piano di allenamento, dice: "Tra un'uscita e l'altra è fondamentale per recuperare gli sforzi e trasformarli in potenza". E' proprio nelle fasi di riposo, infatti, che i muscoli strapazzati dagli allenamenti si ricostruiscono formando fibre più forti e più numerose.

A un mese dalla partenza del Giro D'Italia 2017, Fabio Aru commenta per ForMen magazine le 10 prove più impegnative: "Sarà un Giro molto combattuto perché presenta un percorso equilibrato, con arrivi impegnativi in salita già nella prima parte, ma anche due cronometro individuali abbastanza lunghe che di certo permetteranno agli specialisti di guadagnare molto terreno in classifica". Inoltre, nello 'Speciale Bici' le altimetrie, le rivalità, le curiosità e i favoriti del Giro D'Italia 2017.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Mondiali, Palmisano bronzo nella 20 km di marcia: prima medaglia per l'Italia

Mondiali, Palmisano bronzo nella 20 km: prima medaglia Italia

L'atletica azzurra torna così su un podio mondiale a quattro anni di distanza dalla medaglia d'argento di Valeria Straneo

Atletica, Mondiali: Bolt si infortuna nella 4x100

Addio choc per Bolt: si infortuna in staffetta e sfuma 20esimo oro

La Gran Bretagna sale sul gradino più alto del podio con il tempo di 37"47. Argento agli Stati Uniti

Mondiali di Londra, Bolt trascina staffetta 4x100 Giamaica in finale

Mondiali di Londra, Bolt trascina staffetta 4x100 Giamaica in finale

La staffetta giamaicana ha vinto la propria batteria in 37"95