Mercoledì 27 Dicembre 2017 - 08:30

I prezzi del petrolio schizzano a 60 dollari al barile dopo il caso dell'oleodotto

E' la prima volta dal 25 giugno del 2015 che si raggiunge di nuovo questa soglia

Per la prima volta dal 25 giugno del 2015, i prezzi del petrolio greggio scambiati sul Nymex di New York hanno riagguantato la soglia dei 60 dollari al barile. Le quotazioni sono balzate al massimo in più di due anni e mezzo dopo la notizia dell'esplosione di un oleodotto in Libia.

Secondo alcune fonti, l'esplosione sarebbe stata provocata da un attentato terroristico, orchestrato dalle Brigate di difesa di Bengasi, e avrebbe messo fuori gioco una produzione giornaliera compresa tra 70mila e 100mila barili: questo, in un Paese che, stando all'ultimo bollettino mensile dell'Opec, produce 973mila barili al giorno. Immediata la reazione dei prezzi del petrolio, che a New York sono balzati di oltre +2,6%. Il Brent è volato fino a $67,10, +2,8%, al record da maggio del 2015.

 

Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Bruxelles, conferenza stampa del commissario Malmstrom sui dazi Usa

Moto, barche, Levi's e trucchi. Ecco i dazi europei sui prodotti Usa

Scattati dalla mezzanotte. Variano dal 10 al 25 per cento. Riguardano circa 200 categorie. Si va dal burro d'arachidi al fondotinta, dalle carte da gioco a succo d'arancia

La Grecia promossa dall'Eurogruppo: dopo 8 anni finisce la crisi, ok al taglio del debito

La decisione dopo una lunga maratona. Allungate di 10 anni le scadenze dei prestiti. Moscovici: "È un momento storico"

Fox, Disney mette sul piatto 71,3 miliardi di dollari: è nuovo accordo

Intesa su 38 dollari ad azione. Comcast manca l'affondo