Mercoledì 12 Aprile 2017 - 18:30

Il fidanzato di Nina Moric a Corona: Bomba sotto casa? Non c'entro

"Per me, lo ha detto per far parlare del processo. L'ho presa con una risata"

Il fidanzato di Nina Moric replica a Corona: Bomba sotto casa? Non c'entro

"C'è poco da dire su questa vicenda. Mi sembra abbastanza ovvio che sia un tentativo per far parlare di qualcosa. Per me, lo ha detto per far parlare del processo. L'ho presa con una risata. Anche Nina? Lei più di me. Anche lei pensa che sia solo un modo per far parlare del processo". Così Luigi Mario Favoloso, fidanzato di Nina Moric, l'ex moglie di Fabrizio Corona, intervistato a 'Pomeriggio 5', su Canale 5, dopo che ieri in aula a Milano l'ex fotografo dei vip, sotto processo per intestazione fittizia di beni, frode fiscale e violazione delle norme patrimoniali, avrebbe accusato Favoloso di aver messo una bomba carta sotto casa sua lo scorso 15 agosto.

 "Non mi hanno ancora chiamato gli avvocati per andare a testimoniare. Se lo faranno, andrò in tribunale. Per me è un'opportunità e non un danno", ha aggiunto il fidanzato della modella. E ancora: "Io ho telefonato alla mamma di Fabrizio e alla Persi, ma non le ho mai minacciate. Fabrizio Corona non mi ha denunciato. Ora Nina sta bene, lavora, fa tante cose e credo che un obiettivo sia mettere un po' di veleno nella vita degli altri. La settimana prima - ha raccontato - aveva tirato in ballo Belen, dicendo che aveva fatto dei soldi con lui". "Francesca Persi l'ho vista una volta in compagnia di Corona. Al telefono le ho detto una volta di convincere Fabrizio a dare il bambino a Nina", ha concluso Favoloso.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Nashville sparatoria in un locale

Usa, spari in una scuola in Indiana: due feriti, fermato sospetto

Colpita la Noblesville West Middle School di Indianapolis

Roberto Izzo in aula per deporre durante il processo per la strage di Piazza Loggia

Mostro Circeo, Izzo a pm: "Nel '75 uccidemmo una 17enne veneta"

Ha raccontato ai magistrati la verità su Rossella Corazzin, sparita 43 anni fa dai boschi di Tai di Cadore mentre era in vacanza. Fu violentata da un branco di 10 uomini e poi ammazzata

L'esercito dei bambini scomparsi: in Italia sparisce un minore ogni 48 ore

Nel 2017 il Telefono Azzurro ha gestito 177 casi. Il Lazio la regione più problematica

La polizia di Frontiera Francese continua i controlli alla stazione di Bardonecchia

Migranti, trovato cadavere al confine tra Italia e Francia

Il corpo rinvenuto a Bardonecchia, nei pressi del sentiero montano dell'orrido del Frejus