Mercoledì 06 Giugno 2018 - 15:15

Il governo Salvini-Di Maio nato in una 'Cucina da Incubo". Il ristoratore: "Hanno magnato tutto e fatto la scarpetta"

La lunga trattativa dei due leader politici si è svolta anche in una trattoria romana che ha partecipato alla trasmissione condotta di Cannavacciuolo

Quirinale. Giuramento del governo Conte

Il governo del cambiamento? È nato in una cucina da incubo. Il settimanale 'Oggi', in edicola da giovedì 7 giugno, svela in esclusiva un gustoso retroscena sulla formazione del governo Conte.

Matteo Salvini e Luigi Di Maio si sono incontrati nella trattoria Er Barone, in zona Bravetta, periferia della capitale. Il titolare del ristorante, che all'anagrafe fa Romano Pancione e ha appena partecipato alla trasmissione 'Cucine da incubo', racconta: "Matteo Salvini e Luigi Di Maio sono venuti qui per discutere del nuovo governo. C'erano pure Calderoli e Borghi, della Lega. Cosa si sono detti non lo so, però ti posso dire che gli ho servito spaghetti pecorino zucchine e menta. Me li ha insegnati Cannavacciuolo, e loro se li so' magnati tutti, e hanno fatto pure scarpetta".

"Elisa Isoardi abita da queste parti e spesso è venuta con Salvini, che è uno che a tavola non si tira indietro. Quando lui ha avuto bisogno di un posto tranquillo per incontrarsi con Di Maio ha scelto noi. Qui di certo non li sgamava nessuno", rivela il ristoratore romano a Oggi.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Giallo su incontro Papa-Salvini: il ministro lo annuncia, il Vaticano smentisce

Dal portavoce della Santa Sede solo tre, inequivocabili parole: "Non c'è niente"

Virginia Raggi esce dal Campidoglio per andare in procura

Stadio della Roma, Raggi di nuovo in procura. Di Maio: "Lanzalone in Acea? Fu premiato il merito"

Già venerdì scorso la sindaca aveva chiarito una serie di dettagli della collaborazione instaurata con l'ex presidente della partecipata coinvolto nello scandalo

Migranti, Merkel riceve Conte: "Verremo incontro a richiesta di solidarietà dell'Italia"

Vertice a Berlino in mezzo alla bufera con la Csu. Il premier: "Non ci possono lasciare da soli". Fico contro Orban: "Se non vuole le quote deve essere multato"

Comizio di Matteo Salvini a Orbassano

Salvini: "Faremo un censimento dei rom, quelli italiani purtroppo li dobbiamo tenere"

Poi la parziale smentita. Di Maio: "Bene, la schedatura è incostituzionale". Orfini attacca: "Meglio fare un censimento dei razzisti e dei fascisti"