Sabato 27 Maggio 2017 - 09:00

Il Papa all'Ilva di Genova: Non reddito ma lavoro per tutti

Matteo Renzo gli fa eco: Non sussidi e assistenzialismo, ma crescita e lavoro

Il Papa all'Ilva di Genova: Non reddito ma lavoro per tutti

"Deve essere chiaro che l'obiettivo vero da raggiungere non è il reddito per tutti ma il lavoro per tutti. Senza lavoro per tutti non ci sarà dignità per tutti". Entra a piedi uniti nel dibattito politico Papa Francesco. E attacca il reddito di cittadinanza proposto dal M5s proprio nel corso della sua visita a Genova, la città di Beppe Grillo. Parlando di fronte a 3500 lavoratori nello stabilimento dell'Ilva, stigmatizza le ipotesi politiche e le prospettive che vorrebbero "due terzi delle persone al lavoro e le altre mantenute da un assegno" e scandisce: "Dovrà essere lavoro, non pensione". E, casomai il concetto non fosse ancora sufficientemente chiaro, aggiunge: "Senza lavoro si può sopravvivere, ma per vivere occorre il lavoro".

Subito raccoglie l'assist il segretario Pd Matteo Renzi: "Non sussidi e assistenzialismo, ma crescita e lavoro: questo il messaggio che nel nostro piccolo vogliamo rilanciare con forza. Perché il lavoro è innanzitutto questione di dignità prima che fattore meramente economico. Avanti, insieme". Gli fa eco il ministro dell'Agricoltura e vice di Renzi alla segreteria del partito, Maurizio Martina: "Affrontare la sfida del lavoro, anche oggi, significa affermare l'idea più forte della cittadinanza e della persona e nessun sussidio potrà mai sostituire questa necessità".

Immediata la reazione dal fronte grillino: "Renzi cerca di strumentalizzare le parole del Pontefice sul reddito, cosa assolutamente disdicevole - accusa la portavoce M5S al Senato Nunzia Catalfo, prima firmataria del ddl sul reddito di cittadinanza del M5S -. E' chiaro ormai a tutti che il disegno di legge del M5S è collegato e condizionato al lavoro. Proprio per tale motivo abbiamo previsto un investimento di oltre 2 miliardi di euro per rendere efficienti i Centri per l'impiego in modo da migliorare l'incrocio tra domanda e l'offerta di lavoro, ma è anche ovvio che per creare occupazione sono necessari anche investimenti nei settori strategici, abbandonando completamente la politica di bonus portata avanti fino ad ora, che nulla ha risolto". Poi l'affondo: "Condividiamo le parole di Papa Francesco dirette a chi licenzia e a chi sfrutta i lavoratori. Renzi anziché esultare si dovrebbe vergognare visto che è stato proprio lui ed il suo governo ad ammazzare l'articolo 1 della nostra Costituzione favorendo i licenziamenti di massa e rendendo più precario quello che una volta, invece, era ritenuto lavoro stabile". Il riferimento è a un passaggio del discorso di Bergoglio. "Il primo articolo della Costituzione italiana - sono le sue parole - è molto bello: 'L'Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro'. Perciò possiamo dire che togliere lavoro alla gente o sfruttarla è anticostituzionale".

Non ci sta Gianfranco Librandi di Civici e Innovatori: "Papa Francesco, il pontefice che il Movimento 5 Stelle ha cercato di far passare per grillino, mette una pietra sopra alla barzelletta del reddito di cittadinanza". "Solo Papa Francesco - commenta il segretario nazionale di Rivoluzione Cristiana, Gianfranco Rotondi - poteva arrivare fino a Genova, per spiegare a Grillo che il reddito di cittadinanza è la negazione del diritto al lavoro e della solidarietà. Le parole del Papa risuonano chiare e sono un monito per tutta la classe politica, infettata da populismo e demagogia".

Sferzante l'ironia di Maurizio Crozza, anche lui genovese, in un messaggio a Tv2000: "Benvenuto a Genova, la mia città e di chi dice di essere il più grande francescano vivente, Beppe Grillo il fancescano di Sant'Ilario. Di' la verità sei venuto per scomunicarlo...".

Scritto da 
  • redazioneweb
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Caldo e siccità. Turisti alla fontana della Barcaccia a piazza di Spagna

Meteo: sereno o poco nuvoloso. Le previsioni per il 20 e 21 luglio

Domani un aumento della nuvolosità sul Nord e la Sardegna. Fa sempre più caldo

Inaugurata una sala cinematografica provvisoria ad Amatrice

Amatrice come L'Aquila: imprenditore ride del terremoto

Anche nel 2009 un impresario edile rideva pensando ai guadagni del dopo sisma

Da Tribunale di sorveglianza no alla scarcerazione di Totò Riina

Dal Tribunale di sorveglianza no alla scarcerazione di Totò Riina

Riina, 86 anni compiuti, dovrà restare detenuto al 41bis. Oggi maxi sequestro di beni alla famiglia

Eccezionale ondata di caldo a Parigi

Cielo sereno e temperature in aumento: il meteo di mercoledì 19 luglio

Le previsioni dell'aeronautica militare per oggi e per domani