Venerdì 17 Febbraio 2017 - 22:00

Il ritorno di Safran Foer: Eccomi, tra crisi di coppia e terremoti

Lo scrittore americano fa tappa a Milano con il suo ultimo romanzo

Il ritorno di Safran Foer: Eccomi, tra crisi di coppia e terremoti

Si deve fare molta attenzione alle crepe quando si legge l'ultimo romanzo di Jonathan Safran Foer, "Eccomi" (Guanda). Sono crepe e poi voragini che si aprono in una famiglia ebrea di Washington: Jacob e Julia Bloch, tre figli, un vecchio cane incontinente e molte regole kosher da rispettare. Le scosse innescate dalla crisi di coppia arrivano - simbolicamente - fino in Israele, dove ci sono le loro radici, scatenando un violentissimo terremoto.

Loading the player...

Un tremendo effetto domino che lo scrittore americano, 40 anni, tra i più influenti della sua generazione, utilizza per confrontarsi con il significato di alcune parole fondanti: identità, scelta, casa. "Non ho idea di quale sia il senso recondito di quello che ho scritto, so però che durante i tre anni in cui ho lavorato a questo romanzo ho lottato con la domanda su cosa volesse dire sentirsi a casa. E la riposta è stata: stare dentro questo libro", ci racconta Foer che a Milano è stato ospite della seconda anteprima di "Tempo di Libri". "Anche non avere scelta è una scelta. Il matrimonio è il contrario del suicidio, ma è l'unico atto di volontà che abbia la stessa definitività", scrive l'autore di "Ogni cosa è illuminata": "Molte persone decidono di non darsi un'alternativa, restano sposati perché non credono che il divorzio sia un'opzione. Spesso però si arriva a una resa dei conti, come succede a Jacob.

Come tutti noi è un uomo con molte identità difficili da gestire, per un po' ci riesce, ma la separazione lo costringe a darsi delle priorità per poter finalmente dire: Here I am, eccomi, io sono questo". Ebreo americano, "credente a tratti", Safran Foer nel romanzo si interroga sull'istinto di sopravvivenza, "tema centrale e imperativo" anche dell'esistenza ebraica: "Se Israele non può avere due Stati, non può averne nemmeno uno. Per motivi demografici, non potrebbe esserci uno Stato ebraico. Ci sono due opzioni: o uno Stato con l’apartheid o uno Stato non ebraico. Ma entrambe le ipotesi non corrispondono al concetto per cui è stato fondato lo Stato di Israele.

Quindi sarebbe un suicidio", spiega, commentando la posizione di Donald Trump sulla crisi in Medioriente. Foer non si aspettava l'elezione del magnate newyorkese a presidente degli Stati Uniti, ma ora prova a spiegare le ragioni della sua vittoria. "E’ stato un candidato molto più valido e carismatico di Hillary Clinton, lei però è un essere umano molto migliore e ha vinto nel voto popolare; bisogna dunque distinguere tra chi guida il Paese e la volontà del popolo. Negli Stati Uniti non si eleggono le idee, ma le personalità. Otto anni fa abbiamo votato per Barack Obama, era inesperto e poco conosciuto, ma così carismatico da spingere la gente a seguirlo. Obama impersonava la speranza degli americani, Trump oggi è invece la rappresentazione della loro rabbia". 

Scritto da 
  • Raffaella Caprinali
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bloop, Festival internazionale di arte proattiva

Street art, Ibiza è pronta per la nuova edizione del Bloop Festival

Anima italiana, lo organizza la Biokip Labs. Appuntamento dal 23 agosto al 9 settembre

Scelti gli artisti under 40 in gara per il Premio Cairo 2017

Scelti gli artisti under 40 in gara per il Premio Cairo 2017

Al vincitore verrà assegnato un premio di 25mila euro e sarà dedicata la copertina del mensile Arte

Banana Yoshimoto: Io, la splendida nebbia di Milano e i diritti gay

Banana Yoshimoto: Io, la splendida nebbia di Milano e i diritti gay

Intervista alla scrittrice ospite della Milanesiana a pochi giorni dall'uscita del romanzo 'Another World'

Marvel creerà il primo super-eroe cinese nella storia dei suoi fumetti

Marvel creerà il primo super-eroe cinese nella storia dei suoi fumetti

La casa editrice di Spiderman lavorerà con la società asiatica NetEase