Martedì 18 Luglio 2017 - 12:15

Incendio a Castel Fusano, ancora focolai. Aperta indagine per dolo

Sul posto 2 canadair, 2 elicotteri e il personale dei vigili del fuoco e della protezione civile

Incendio nella pineta di Castel Fusano, vicino Ostia

Sono ancora in azione le squadre dei vigili del fuoco nella pineta di Castel Fusano alle porte di Roma, dove ci sono ancora focolai da spegnere, ma la situazione, viene spiegato, è sotto controllo. Sul posto 2 canadair, 2 elicotteri e il personale dei vigili del fuoco e della protezione civile. Accanto al lavoro di spegnimento si sta procedendo alla bonifica delle parti martoriate dalle fiamme. Ancora ripercussioni sul traffico deviato dopo la chiusura della Colombo da via Canale della Lingua a Ostia, via della villa di Plinio e viale di Castel Porziano, sono ancora congestionate le vie d'uscita dai quartieri limitrofi alla pineta.

Intanto la procura di Roma avvierà un'indagine. L'ipotesi di reato è di incendio doloso. L'indagine è coordinata dal procuratore aggiunto Nunzia D'Elia. Nell'inchiesta anche la posizione del 22enne di Busto Arzizio arrestato ieri.

Loading the player...
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Stadio Roma, nuove ammissioni dal manager di Parnasi: "Lanzalone? Era il Campidoglio"

Interrogato dai pm Luca Caporilli, il dirigente stretto collaboratore del costruttore finito in manette

Virginia Raggi esce dal Campidoglio per andare in procura

Stadio della Roma, Raggi di nuovo in procura. Di Maio: "Lanzalone in Acea? Fu premiato il merito"

Già venerdì scorso la sindaca aveva chiarito una serie di dettagli della collaborazione instaurata con l'ex presidente della partecipata coinvolto nello scandalo

Stadio della Roma, interrogatori e prime ammissioni: cresce numero indagati

Lanzalone, l'avvocato ex presidente di Acea, ha respinto ogni accusa. Per la procura: avrebbe aiutato Parnasi facendo gli interessi suoi anziché quelli del Comune

Presentazione del progetto del nuovo stadio della Roma

Stadio della Roma, il suo futuro è appeso a un filo: un iter lungo sei anni

La bufera giudiziaria che ha travolto il progetto da un miliardo mette a rischio la realizzazione dell'impianto